Risparmio gestito – Man, cresce il parimonio

A
A
A
di Matteo Chiamenti 4 Novembre 2010 | 14:00
Man Group ha completato l’acquisizione di GLG Partners, Inc (“GLG”) i l 14 ottobre 2010, e pertanto i risultati intermedi per i sei mesi al 30 settembre 2010 riportati qui di seguito non comprendono il patrimonio gestito, la performance o altri contributi di GLG.

I principali dati sulla performance di investimento di GLG nel trimestre chiuso al 30 settembre 2010 (basati sui dati non certificati forniti dal management GLG) sono riportati unicamente a fini informativi.

Man Group (“Man”) ha annunciato oggi un patrimonio in gestione pari a $40,5 miliardi  per i sei mesi al 30 settembre 2010, superiore alla stima preliminare di $39,5 miliardi del 28 settembre. Rispetto al 30 giugno 2010 (patrimonio in gestione: $38,5 miliardi), si tratta di una crescita del 5% da attribuire alla  forte performance di investimento e ai cambi favorevoli alla fine dell’esercizio in esame.

AHL, il gestore di Man focalizzato sulla gestione quantitativa di managed futures, ha guadagnato il 9,0% da inizio anno al 30 settembre, e nello stesso periodo i fondi conformi alla direttiva UCITS III di AHL Diversity e Trend hanno generato  un rendimento rispettivamente  del 6,2% e dell’8,1%. Al 30 settembre, AHL è al 6,0% dall’high water mark in termini di media ponderata.

GLG, ora interamente posseduta da Man a seguito del completamento dell’acquisizione in data 14 ottobre 2010, continua a sovraperformare in un’ampia gamma di stili, tra cui si evidenziano come top performer nell’anno al 30 settembre 2010 lo European distressed (+36,52%), il global macro (+28,55%), market neutral (+28,38 %) e emerging market (+10,06%).

Buona anche la performance da inizio anno al 30 settembre 2010 del Man Multi-Manager, con i portafogli flagship multi-stile quali il Man Dynamic Selection che hanno generato un rendimento del +3,7% rispetto al  2,1% dell’indice HFRI Fund of Funds Composite. Questa sovraperformance si deve alla gestione attiva degli investimenti che, unitamente alla rivalutazione della componente obbligazionaria, ha spinto l’andamento della gamma dei prodotti strutturati di Man, con il Man IP220 , fiore all’occhiello, che ha guadagnato il 18,5% nell’anno solare a fine settembre.

Peter Clarke, Chief Executive, ha detto:

“Nel periodo che ha portato all’acquisizione di GLG, sia Man  che GLG hanno prodotto una performance di investimento eccellente,  che rappresenta un catalizzatore  fondamentale per la raccolta. AHL ha generato un rendimento del 9% da inizio anno a fine settembre grazie ai trend dei mercati valutari e obbligazionari, mentre la gamma di strategie alternative e long-only di GLG ha continuato ad evidenziare performance eccellenti. Il trimestre chiuso al 30 settembre ha visto anche per la prima volta in oltre 2 anni una raccolta positiva da investitori istituzionali, che confermano la domanda di liquidità, trasparenza e rendimento aggiustato per il rischio offerti da Man Multi-Manager.

“Abbiamo avviato rapidamente l’integrazione di GLG e prevediamo di generare sinergie a livello di ricavi attraverso la commercializzazione delle strategie di GLG su una più ampia scala globale e attraverso nuovi prodotti combinati, il primo dei quali sarà lanciato nel primo trimestre del 2011. Con un’ampia gamma di stili di investimento  ora distribuiti a livello mondiale e  la costante focalizzazione sulla performance di investimento, Man è ben posizionata per  una crescita degli asset.”

Il patrimonio gestito complessivamente dal business integrato di Man e GLG a fine ottobre è stimato in $ 67 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X