Risparmio gestito – Il 2011 visto da Swiss&Global

A
A
A

Stefan Angele, Member of the Executive Board, Head Investment Management, Swiss & Global Asset Management, descrive nel suo intervento lo stato attuale dell’economia globale e le prospettive del ciclo economico. I punti principali sollevati nel corso del discorso sono i seguenti:

di Redazione28 gennaio 2011 | 15:00

•    Il 2011 nelle nostre previsioni dovrebbe confermare il divario in termini di crescita economica e politiche monetarie tra Paesi Sviluppati ed Economie Emergenti. L’espansione del PIL nei paesi industrializzati maturi dovrebbe attestarsi su livelli prossimi al trend di lungo periodo del 2-3 percento grazie alle politiche monetarie accomodanti. Nei paesi periferici dell’Unione europea, invece, il rischio di un netto rallentamento della crescita rimane elevato, soprattutto per via delle politiche fiscali restrittive. Un fattore che continuerà a gravare sulla ripresa e in special modo sui consumi privati è il tasso di disoccupazione, che negli Stati Uniti e in molti paesi Europei rimane su livelli storicamente elevati.

•    I mercati emergenti restano la locomotiva dell’espansione mondiale: i dati economici pubblicati sono positivi e confermano una dinamica di crescita sostenuta. Esiste indubbiamente un crescente rischio di surriscaldamento, in special modo nel settore immobiliare, ma le banche centrali hanno già iniziato a prendere delle contromisure. I deficit di bilancio e i livelli del debito pubblico non rappresentano invece un problema per i paesi emergenti.
 
•    A fronte di questa crescita  sostenuta i mercati emergenti attraggono una quota sempre maggiore degli investimenti globali. Ad oggi il tasso di crescita reale del PIL di questi paesi è quasi il triplo di quello delle economie sviluppate, inoltre la loro partecipazione al PIL globale sta raggiungendo il livello dei paesi del G7. I fattori a favore di un proseguimento di questo trend di crescita sono diversi. Tra i più importanti sottolineiamo il livello di debito pubblico contenuto, il processo di urbanizzazione e di industrializzazione, l’aumento del commercio con l’estero e la crescita della popolazione. Questi fattori porteranno ad un’evoluzione della domanda, i temi principali che ne beneficeranno sono i seguenti: crescita della domanda di servizi sanitari, necessità di nuove infrastrutture, domanda di energia, nascita di un nuovo ceto medio, aumento della domanda di beni di lusso, aumento del risparmio e conseguente aumento della domanda di servizi finanziari.
 
•    Lo scenario principale indica una crescita reale di circa il 4% del PIL mondiale, sulla scorta di un’espansione persistente ma modesta nei paesi industrializzati (2-3%) e di tassi di crescita nettamente più elevati, ancorché in rallentamento, in Cina e India (8-9%).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Comgest sceglie l’analista Hyuga

Etf, la tattica paga di meno

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

Axa IM sim, cambia il servizio non la sostanza

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

Syz mette su massa

Contenere il rischio è l’obiettivo

La raccolta ci mette l’Anima

Le stelle del Salone del Risparmio

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

La guerra dei fondi

Azimut prende Bocchin

Fondi, il vero (e oneroso) volto della raccolta

Il Pir nel target di Amundi

L’espresso di Ubs sul Sedex

Neuberger Berman in tour per i consulenti

Gam, un terzo delle masse in più

Fondi, rivoluzione Fidelity

ConsulenTia18/Gatti (Anima): “Vi presento Vespucci e Magellano”

Città globali, Los Angeles premiata da Schroders

BFC, benvenuto Asset Class

Quando l’Etf è un ingrediente del portafoglio

5 modi smart per utilizzare gli ETF Smart Beta

Fondi: puntare sul debito emergente con Pictet

Giri di valzer ai piani alti di Savills IM

Etf Securities: metalli industriali ed energia per il 2018

J.P. Morgan AM porta l’azionario europeo a Bologna e Milano

Mifid 2, anche Capezzone dice la sua

Pictet Asset Management, Roadshow invernale ai nastri di partenza

Ti può anche interessare

Fondi, la Mifid2 chi l’ha vista?

Secondo il discussion paper di Consob intitolato appunto "Il costo dei fondi comuni in Italia. Evolu ...

L’unico frutto della polizza…è la banana (gonfiabile)

Racchettoni, frutti di plastica e pedalò: ecco come difendersi dalle minacce estive ...

Dwane (Allianz GI): “Positivi sulle banche europee”

L'outlook sul 2018 del global strategist di Allianz Global Investors ...