Risparmio gestito – Man, un buon bilancio

A
A
A

Man Group plc. (FTSE 100): aggiornamento sui risultati di esercizio prima della chiusura al 31 marzo 2011

di Redazione30 marzo 2011 | 08:15

 

Principali dati operativi

·          Il patrimonio gestito (FUM) al 31 marzo 2011 è stimato pari a 69,0 miliardi di USD (31 dicembre 2010: 68,6 miliardi di USD).

·          La raccolta netta del quarto trimestre dovrebbe attestarsi a circa 0,7 miliardi di USD, a fronte di sottoscrizioni pari a 5,3 miliardi di USD (per lo più relative a prodotti long-only e ai fondi alternativi aperti) e di rimborsi pari a 4,6 miliardi di USD.

·          L’andamento degli investimenti  è stato sostanzialmente flat a gennaio e febbraio, poiché la performance positiva di GLG ha controbilanciato quella negativa di AHL, la cui performance ha  subito una notevole flessione  a seguito del terremoto in Giappone, ma ha già iniziato a recuperare terreno.

·          Sono stati compiuti buoni progressi verso il raggiungimento degli obiettivi strategici: integrazione di GLG; vendita della quota in BlueCrest; ottenimento di un importante mandato Multi-Manager.

·          È stato raggiunto un accordo definitivo per l’acquisizione della rimanente quota del 50% in Ore Hill e la sua integrazione in GLG.

 

Principali dati finanziari

·          L’utile statutario prima delle imposte da attività continuative è stimato pari a 280 milioni di USD, compresa la riduzione del valore (goodwill) del business Multi-Manager (2010: 541 milioni di USD); l’utile rettificato prima delle imposte è stimato a 560 milioni di USD (2010: 560 milioni di USD).

·          L’utile per azione statutario diluito da attività continuative è stimato a 7,5 centesimi di USD per azione (2010: 24,8 centesimi di USD per azione); l’utile per azione rettificato è stimato a 24 centesimi di USD per azione (2010: 25,5 centesimi di USD per azione).

·          La posizione finanziaria rimane solida, con un’eccedenza di circa 350 milioni di USD rispetto al capitale regolamentare, che sale a circa 850 milioni di USD con i proventi della vendita di BlueCrest; la posizione netta di liquidità, compresi i proventi della vendita di BlueCrest, si attesta a 900 milioni di USD.



Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Pictet, il fondo va in città

Una semestrale Mirabaudlante

Lazard AM, cambia la direzione

Fidelity e la forza del Dragone

Investimenti, sugli emergenti non pesa la sfida commerciale

Asset allocation, Einstein (e Leonardo) in spiaggia

Investimenti: Lira turca, l’emergenza continua

Investec AM, si aggiorna la gamma degli alternativi

Asset allocation, tentazione emergente

Cari gestori, cambiate le commissioni

Anima, raccolta ok e masse gestite al top

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Crescita a due cifre per Aviva in Italia

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Sull’etf splende il Sol Levante

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Comgest sceglie l’analista Hyuga

Etf, la tattica paga di meno

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

iShares, l’era del model portfolio

Axa IM sim, cambia il servizio non la sostanza

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

Syz mette su massa

Contenere il rischio è l’obiettivo

La raccolta ci mette l’Anima

Ti può anche interessare

Algebris, un successo dalle tinte rosa

Ad Algebris il Riconoscimento “Employer of the Year” nella Prima Edizione dei “Women in Finan ...

Nuovo fondo sull’high yield Usa per Bny Mellon Im

Il BNY Mellon U.S. High Yield Beta Fund è gestito da Mellon Capital Management Corporation, societ ...

Pir, dove hanno investito finora

Studio di Assogestioni sui piani individuali di risparmio, che assorbono tra il 6 e 10% della capita ...