Risparmio gestito – L’importanza del dividendo

A
A
A

I dividendi sono un indicatore basilare della solidità e della buona salute di un’azienda. Ecco la view di M&G.

di Redazione28 aprile 2011 | 12:00

Analizzare il mercato in cerca di un dividend yield elevato può essere estremamente rischioso. Molti dei fondi income tradizionali utilizzano il rapporto dividendo/prezzo come parametro di scelta, ma a mio avviso questo approccio è fuorviante. Un alto dividend yield è spesso sintomo di una società in difficoltà o con un potenziale di crescita limitato. Selezionare buoni titoli tra queste società è una strategia estremamente difficile.

Diversamente dai fondi dividend tradizionali ci concentriamo sulle prospettive di crescita dei dividendi di un’azienda nel lungo termine. A nostro avviso, i dividendi rappresentano l’indicatore più significativo della disciplina di capitale di una società e come tali rivelano la sottostante forza e il buono stato di salute e la solidità del business. Infatti, i dividendi sono difficili da falsare, a differenza dei parametri di misurazione dei profitti che possono essere distorti o manipolati. Dividendi alti e in crescita sono quindi un ottimo indicatore che un’azienda è ben gestita e quindi in grado di dare agli azionisti rendimenti superiori alla media del mercato.

Crediamo infatti che un flusso di dividendi in aumento aiuti un’azienda a crescere poiché regola la quantità di liquidità che può essere reinvestita nel proprio business e di conseguenza assicura che solo i migliori progetti vengano selezionati.

Ad esempio negli Stati Uniti ci sono ben 90 aziende “dividend achiever” che hanno pagato dividendi per almeno 25 anni consecutivi. Tra queste troviamo alcuni dei brand più conosciuti, come Procter & Gamble, Coca-Cola e Johnson & Johnson. Procter & Gamble è la prima di un ristretto gruppo di aziende che hanno visto crescere i propri dividendi ininterrottamente per ben 56 anni; anche Coca-Cola e Johnson & Johnson non sono troppo distanti da questo record con una crescita dei dividendi per 48 anni consecutivi.*

Sebbene gli Stati Uniti siano il mercato che offre il maggior numero di aziende che pagano dividendi nel lungo termine, si possono trovare opportunità interessanti in tutto il mondo. In Europa, ad esempio, ci sono più di 60 aziende su cui riteniamo interessante investire per la buona disciplina di capitale e il potenziale di crescita dei loro dividendi nel lungo termine.

Al momento il fondo M&G Global Dividend non ha in portafoglio titoli italiani poichè non ho trovato aziende che posseggono i giusti requisiti per un mio investimento.  Ecco alcuni esempi di aziende “dividend achiever”:

Le svizzere Nestle, Roche e Novartis sono tra le principali holdings del fondo. Le tre aziende sono leader di mercato e sono caratterizzate da un notevole cashflow, ma anche da una solida disciplina di capitale che ha loro consentito di aumentare i propri dividendi di anno in anno per più di un decennio.

Le spagnole Telefonica e Prosegur – società che si occupa di sicurezza globale – sono aziende fortemente radicate sul mercato domestico, ma anche esposte alla rapida crescita delle economie emergenti dell’America Latina, dove entrambe stanno estendendo il proprio business in modo profittevole. Telefonica e Prosegur vantano entrambe un solido impegno a produrre dividendi e le loro azioni offrono un buon valore grazie alle prospettive di crescita. Inditex è un altro titolo che Stuart Rhodes includerebbe nel proprio portafoglio, ma alla giusta valutazione, in quanto la buona disciplina di capitale del retailer è in linea con la sua filosofia di investimento.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Pictet, il fondo va in città

Una semestrale Mirabaudlante

Lazard AM, cambia la direzione

Fidelity e la forza del Dragone

Investimenti, sugli emergenti non pesa la sfida commerciale

Asset allocation, Einstein (e Leonardo) in spiaggia

Investimenti: Lira turca, l’emergenza continua

Investec AM, si aggiorna la gamma degli alternativi

Asset allocation, tentazione emergente

Cari gestori, cambiate le commissioni

Anima, raccolta ok e masse gestite al top

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Crescita a due cifre per Aviva in Italia

Addio a uno dei pionieri nella gestione di fondi di private equity

Sull’etf splende il Sol Levante

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Comgest sceglie l’analista Hyuga

Etf, la tattica paga di meno

Asset allocation, lo stile di vita fa guadagnare

iShares, l’era del model portfolio

Axa IM sim, cambia il servizio non la sostanza

Il (vecchio) passivo è morto, evviva il (nuovo) passivo

Green Arrow Capital, due fondi e una piattaforma per gli alternativi

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fineco AM dà il cambio ad Amundi sui CoreSeries

Mondiali di calcio, vincerà la Germania. Lo dice il gestore

Syz mette su massa

Contenere il rischio è l’obiettivo

La raccolta ci mette l’Anima

Ti può anche interessare

Risparmio gestito, caccia grossa al mercato tedesco

I principali asset manager tedeschi si trovano a dover fronteggiare una minaccia competitiva non da ...

Furet (Dorval): “Perché la festa sui mercati non è finita”

L’opinione sulle prospettive del settore azionario del team di Dorval Asset Management, società d ...

Poste Italiane, grandi manovre sull’immobiliare

Pochi giorni fa è uscito dal gruppo Marco Plazzotta, manager proveniente da Allianz Re che quattro ...