Risparmio gestito – La battaglia dell’Euro

A
A
A
di Redazione 30 Maggio 2011 | 09:30
Una vittoria di Pirro per la Bce di Richard Woolnough, gestore dell’M&G Optimal Income Fund.

L’espressione “Vittoria di Pirro” si usa quando si vince una battaglia ma non la guerra. In questo caso la battaglia, così come definito dalla BCE, è mantenere la stabilità dei prezzi al 2% o al di sotto di questo target. Questa battaglia – come dichiarato con soddisfazione dal presidente della BCE Jean-Claude Trichet in una recente conferenza stampa – è stata vinta in modo esemplare con un livello di inflazione medio su base annuale dell’1.97% nei Paesi area EMU nei primi dodici anni dell’euro. Tuttavia, qual è il costo del raggiungimento di questo target?

Il costo per i Paesi area EMU è in termini di economie divergenti. I tassi di interesse divergenti nel breve termine stanno contribuendo a un’ulteriore divergenza delle economie, con alcuni sistemi bancari nazionali già ricorsi al sostegno per sopravvivere.

È sempre più probabile che le economie dell’area EMU continueranno almeno nel breve termine a essere disomogenee, senza convergere verso quel modello auspicato dai fautori dell’unione monetaria. Di conseguenza, ci aspettiamo che questa divergenza porti le politiche nazionali dei vari Paesi membri in direzioni opposte. I Paesi più ricchi in politica si sposteranno probabilmente a destra, mentre quelli con meno risorse si sposteranno a sinistra. Ci si potrebbe ragionevolmente aspettare che in un simile contesto il sentimento nazionalista potrebbe crescere rapidamente. Tutti questi fattori porterebbero l’esperimento dell’euro agli estremi, e i Paesi mebri con politiche ed economie divergenti potrebbero arrivare a minacciare la sua stessa sopravvivenza.
Per questi motivi mi chiedo, la BCE ha vinto la battaglia, ma forse non rischia di perdere la guerra?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X