Sicav, luci e ombre sulla nuova normativa fiscale

A
A
A
di Redazione 18 Luglio 2011 | 07:58
Dal primo luglio gli switch tra i comparti di una stessa Sicav di diritto estero sono operazioni fiscalmente rilevanti, quindi soggette a tassazione

Dal primo luglio gli switch tra i comparti di una stessa Sicav di diritto estero sono operazioni fiscalmente rilevanti, quindi soggette a tassazione. Manca però ancora un tassello, ovvero  la ratifica dell’Agenzia delle Entrate che sancisca l’entrata in vigore della nuova impostazione e l’abbandono di quella vecchia (che non prevedeva imposizioni fiscali per l’investitore per questo tipo di passaggi). Intanto però gli investitori che dall’inizio del mese abbiano dato ordine di spostare il capitale da un comparto all’altro di una stessa Sicav, sono incappati in una ritenuta fiscale del 12,5% sull’eventuale plusvalenza. E anche i tempi si sono allungati: ora le banche devono infatti calcolare la tassazione sul valore complessivo del riscatto prima di poter reinvestire  l’ammontare netto, un doppio passaggio che costringe molti istituti, che prima realizzavano l’operazione nell’arco di 24 ore, a impiegare due giorni per concludere uno switch.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Jupiter lancia il Global Sustainable Equities per gli internazionali

Fondi, sono tutti da buttare? Il rapporto annuale MBRES

Artemis, le masse in gestione dei fondi lussemburghesi superano i 2 mld di sterline

NEWSLETTER
Iscriviti
X