Azimut, i ricavi salgono a 174 milioni

A
A
A

Il totale delle masse gestite a fine giugno 2011 raggiunge i 14,4 miliardi di euro, mentre il dato comprensivo del risparmio amministrato e gestito da case terze direttamente collocato arriva a 16,4 miliardi

di Redazione28 luglio 2011 | 12:56

Azimut ha chiuso il primo semestre dell’anno con ricavi consolidati per 174 milioni di euro (+1,4%), un utile ante imposte di 48,6 milioni di euro (+2,7%) e una leggera flessione dell’utile netto che dai 46,1 è passato ai 44,8 milioni di euro (-2,9%). Il totale delle masse gestite a fine giugno 2011 raggiunge i 14,4 miliardi di euro, mentre il dato comprensivo del risparmio amministrato e gestito da case terze direttamente collocato arriva a 16,4 miliardi di euro. La posizione finanziaria netta consolidata a fine giugno 2011 risultava positiva per circa 74,3 milioni (era di 102,1 milioni a fine dicembre 2010 e di 60,5 milioni a fine giugno 2010), e la cassa generata dalle attività operative è stata di 34,9 milioni di euro; sono stati pagati dividendi per circa 33 milioni di euro e sono state acquistate azioni proprie per circa 21 milioni di euro. Positivo il saldo per il reclutamento di promotori finanziari nel primo trimestre 2011; Azimut Consulenza, AZ Investimenti ed Apogeo hanno registrato 75 nuovi ingressi, portando il totale delle reti del Gruppo a 1406 unità.  “Il Gruppo nella prima parte dell’anno ha portato a compimento una serie di acquisizioni volte a sviluppare una strategia di crescita, innovando prodotti e rafforzando la presenza in nuovi mercati”, ha commentato il presidente e a.d. Pietro Giuliani. “Abbiamo operato in un contesto difficile, con l’industria del risparmio che focalizza la propria offerta su prodotti strutturati, conti deposito e polizze, per assecondare la domanda di rendimenti fissi anche se sub-ottimali. Azimut invece continua ad avere una visione di lungo periodo volta a perseguire una performance netta al cliente superiore al risk free”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

SdR18, via libera per le conferenze

Fondi, rivoluzione Fidelity

Kid, i problemi fanno slittare la notifica alla Consob

Petrolio in ascesa, la bussola per gli energetici di AcomeA

Fondaco, un nuovo fondo equity income

Anima e Poste, un accordo dai tre volti

Mediobanca, ai fondi la maggioranza (relativa) nell’assemblea

Anima, bene trend di raccolta malgrado riassetto distributivo

Fondi, La Française lancia nuovo fixed maturity

Fondi, in Europa è già record

Credit Suisse, ecco i due fondi che guardano al futuro

I fondi private scelgono l’Africa

Fondi italiani, in 32 anni più oneri che rendimenti

Al via ReFees, la startup che fa risparmiare sui costi di fondi e Sicav. Ecco come funziona

Ti può anche interessare

Francia, l’ex premier Fillon nuovo partner di Tikehau Capital

A partire dal 1° settembre Fillon entrerà a far parte del team di Tikehau Capital in qualità di p ...

Rhodes: “Attenti all’emotività, anche a Natale”

Di seguito il commento di Stuart Rhodes, gestore del fondo M&G Global Dividend. “Il Natale ...

Bnp Paribas Cardif sale al 100% di Cargeas

Detenuta congiuntamente finora da Bnp Paribas Cardif (50% - 1 share) e Ageas (50% + 1 share), Cargea ...