State Street Global Advisors prende Roy da Credit Suisse

A
A
A

Roy, una delle personalità più note nel settore per la sua esperienza sulla macroeconomia, sull’asset pricing e sulla finanza comportamentale, ricoprirà la carica di global chief retirement strategist.

Chiara Merico di Chiara Merico26 aprile 2017 | 13:17

LA NOMINA – State Street Global Advisors, divisione di asset management di State Street Corporation, ha annunciato oggi la nomina di Amlan Roy come global chief retirement strategist. Roy è una delle personalità più note nel settore per la sua esperienza sulla macroeconomia, sull’asset pricing e sulla finanza comportamentale, che ha contribuito in modo significativo alla comprensione di come queste tendenze secolari possono essere integrate nei temi di investimento e in esposizioni di portafoglio specifiche. Roy proviene da Credit Suisse, dove è stato responsabile della ricerca globale sugli aspetti demografici e pensionistici. Durante i suoi vent’anni presso Credit Suisse, ha svolto diversi ruoli tra cui director di European Pensions Advisory & Structuring Group, director di un progetto di ricerca sul reddito fisso e sulla demografia globale. Roy ha fatto il suo ingresso in Credit Suisse nel gennaio 1998 come vice president del team Global Emerging markets strategy, dove ha sviluppato modelli globali su rischi e rating dei mercati emergenti in 36 paesi.

LUNGA ESPERIENZA – Prima di entrare in Credit Suisse, Roy ha insegnato per dieci anni presso le seguenti università: School of Management a Boston, Business School dell’Università dell’Iowa e Università di Londra (Queen Mary e Westfield College e London School of Economics), dove è stato lecturer su svariati temi tra cui investimenti, macroeconomia, economia finanziaria e gestionale, finanza internazionale e statistica. Attualmente ricopre inoltre la funzione di Senior Research Associate per il Financial Markets Group della London School of Economics ed è Guest Professor di Finanza presso la London Business School. Roy avrà la responsabilità delle attività di ricerca e thought leadership sulla demografia globale e sulle relative implicazioni per le tendenze economiche, politiche, pensionistiche e di investimento. Da Londra riporterà a Lori Heinel, deputy global chief investment officer di State Street Global Advisors. Heinel ha commentato: “Siamo molto lieti dell’ingresso di Amlan in società. Il suo patrimonio di conoscenze sulla demografia e sui temi pensionistici e sul loro impatto sugli investimenti continuerà a rafforzare la nostra presenza nel settore pensionistico globale, consolidando ulteriormente la nostra presenza su questioni chiave che interessano regolatori, sponsor, operatori e investitori, e offrendo al contempo un supporto strategico per indirizzare lo sviluppo futuro dei prodotti e l’innovazione in termini di servizio”


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Pir, la raccolta crolla sotto i colpi della riforma

Le nuove stime di asset in gestione crollano a 20 miliardi al 2021. Fino a 18 mesi fa si parlava di ...

Fondi d’investimento, il migliore e il peggiore del 11/3/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Troppi riscatti, M&G sospende un fondo

La paura per la Brexit morde le caviglie dei fondi. A tal punto che la società britannica M&G s ...