Axa Private Equity sigla accordo con Hsh Nordbank Ag

A
A
A

Axa Private Equity, società di private equity, ha siglato un accordo con Hsh Nordbank Ag per l’acquisizione della maggioranza di un portafoglio da 620 milioni di euro composto da 47 limited partnership in fondi buyout europei di private equity.

di Redazione30 agosto 2011 | 15:00

Axa Private Equity, società di private equity diversificata leader in Europa, ha siglato un accordo con Hsh Nordbank Ag per l’acquisizione della maggioranza di un portafoglio da 620 milioni di euro composto da 47 limited partnership in fondi buyout europei di private equity. Il portafoglio acquistato da AXA Private Equity comprende 18 differenti limited partnership nei maggiori fondi buyout europei di media e grande capitalizzazione, rappresentanti € 478 milioni di original committments.

L’operazione rappresenta il terzo maggior accordo concluso negli ultimi mesi da Axa Private Equity nel campo dei fondi secondari, dopo l’acquisizione a giugno di un portafoglio di attività da Citigroup del valore di 1,7 miliardi di dollari e di un portafoglio di private equity da Barclays del valore di 740 milioni di dollari. In ciascuna di tali transazioni, la strategia di Axa Private Equity è stata quella di fornire al venditore una soluzione su misura che soddisfacesse le sue esigenze globali e, in linea con tale strategia, la società ha una forte predilezione per operazioni proprietarie dotate di un certo grado di complessità. Vincent Gombault, Managing Director Funds of Funds presso Axa Private Equity, ha così commentato : “L’operazione suggella il rapporto di lunga data con Hsh Nordbank Ag.

Questi asset sono gestiti in maniera eccellente, offrendo potenzialità concrete in termini di creazione di valore per i nostri investitori, oltre a rappresentare una soluzione unica per Hsh Nordbank AG. Le altre acquisizioni di fondi secondari concluse da Axa Private Equity nel corso dell’anno confermano che siamo perfettamente in grado di cogliere le migliori opportunità ovunque queste si presentino nel mondo, adattandoci rapidamente a nuovi contesti di mercato e rilevando attività di alta qualità che hanno mantenuto la propria forza nonostante la crisi finanziaria”.

Le tendenze in atto nel mercato globale dei fondi secondari Gombault ha aggiunto: “Il mercato secondario continuerà a registrare una crescita vigorosa nei prossimi due anni. Le banche sono interessate ad alleggerire i propri portafogli di private equity e i prezzi hanno raggiunto livelli più accettabili. Prevediamo che verranno messe in vendita attività bancarie per 40-50 miliardi di dollari. E una volta che gli istituti di credito avranno ridimensionato i propri portafogli, sarà la volta dei fondi pensione. Nel loro caso, i portafogli non sono in gravi difficoltà, ma i team dei fondi pensione sono spesso piccoli e difficilmente riusciranno a gestire 200 o più rapporti di general partnership, e per questo alcuni cercheranno di razionalizzate i propri portafogli”. performance dei suoi fondi e delle aziende nel suo portafoglio, che la società fornisce nell’ambito del servizio fornito agli investitori. 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Una semestrale Mirabaudlante

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Strategie multi asset per mantenere la rotta

Syz AM, un miliardo di motivi per sorridere

Fondi, la commissione di gestione è sotto pressione

Fidelity, you pay…less

Multi asset, una passione in evoluzione

SdR18/Bottillo (Natixis IM): “Attivi, what else?”

SdR18/Giorgi (Blackrock): “Il nostro Universe”

La raccolta ci mette l’Anima

Caso Vegagest, due ipotesi e un silenzio assordante

Assogestioni: Carreri vicepresidente con il nuovo budget

La guerra dei fondi

Asia più forte per La Francaise

Ti può anche interessare

Consultinvest: soluzioni efficienti per un approccio multibrand di nuova generazione

POTENZIARE L’OFFERTA – I mercati e l’entrata in vigore della Mifid 2 hanno offerto a C ...

Faro di Ivass e Agcm su Generali, Allianz e Zurich

Gli accertamenti riguardano le clausole che non consentono agli eredi dell'assicurato di subentrare ...

BNY Mellon Investment Management si rafforza con Dhar

Nel suo nuovo ruolo, Shamik sarà responsabile delle attività di ricerca proprietaria e di analisi, ...