iShares, per il 2012 i gestori puntano sul Brasile

A
A
A

Parola di Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di iShares, secondo cui…

di Redazione28 febbraio 2012 | 15:15

Ipotizzando che l’Europa riesca a superare l’impasse con una lieve recessione, ci aspettiamo che l’economia globale vivrà una lenta ma positiva crescita”. Parola di Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di iShares, secondo cui “la fase toro di mercato che stiamo vivendo potrebbe facilmente andare avanti per il resto del 2012. “Abbiamo una visone di lungo termine positiva sull’azionario globale, che riteniamo più conveniente rispetto alle obbligazioni”, hanno continuato gli esperti.

“Il comparto azionario può ulteriormente apprezzarsi nel 2012, anche se probabilmente la ricerca di rendimenti sarà più difficile rispetto a gennaio e probabilmente sarà accompagnata da una maggiore volatilità. Stante questa situazione, preferiamo assumere un’esposizione azionaria globale attraverso società a elevata capitalizzazione e con elevati dividendi, selezionando mercati sviluppati ed emergenti, e settori con basso beta”. “Continuiamo a mantenere un sovrappeso sull’America Latina, che è la nostra regione preferita all’interno dei mercati emergenti, e in particolare sul Brasile.

Favoriamo anche la Cina,  Taiwan, e, per gli investitori più aggressivi, la Russia”. “Ci aspettiamo inoltre che nei prossimi mesi i mercati rimarranno volatili. L’attuale contesto di crescita, lenta ma positiva, continua a essere di supporto per i settori a basso beta, mentre le più grandi società attive nei settori difensivi (telecom, energy e information technology) sembrano mostrare ancora valutazioni interessanti. Manteniamo una propensione per i settori più difensivi o che presentano una maggior presenza di società a larga capitalizzazione, telecom in particolare”. “Abbiamo tuttavia ancora una visione negativa del settore finanziario in generale. Crediamo che sia destinato a rimanere sotto pressione e che le aspettative di utili siano troppo elevate, alla luce del rischio europeo e dai venti contrari della crescente regolamentazione. Manteniamo una visione neutrale infine sul settore finanziario europeo, in quanto tale comparto ha drammaticamente sottoperformato i mercati sviluppati. Inoltre, continuiamo ad avere una visione più positiva sulle banche americane regionali”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, top e flop del 18/10/18

Facebook, Zuckerberg sotto attacco dei fondi

Fondi, top e flop del 16/10/18

Quaestio porta a casa un nuovo closing

Notz Stucki, le prime mosse della sgr milanese

Etica, un comparto per ripensare il clima

L’armata dei fondi anti spread

Fondi, top e flop del 03/10/18

Fondi, se il gestore non serve a nulla

Fondi, top e flop del 28/09/18

BlackRock, il fondo a misura di prudenza

Fondi, top e flop del 25/09/18

Fondi, top e flop del 21/09/18

Fondi, top e flop del 19/09/18

Haxe guida per l’Europa di Investec AM

Doppietta di nomine per Jupiter AM

Una semestrale Mirabaudlante

Neuberger Bergman, arriva il fondo Clo Income

Pictet: biotecnologie, che forza!

Lombard Odier, una nomina per la svolta digitale

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Investimento passivo, una falsa sicurezza

Enasarco, arriva l’interrogazione parlamentare

Trimestre a tutta raccolta per T. Rowe Price

Candriam, sostenibili per vocazione

Dws, cambia la guida nel Sud Europa

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Fondi, fuga dagli emergenti

Capitali, come portarli all’estero (legalmente)

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Rompere gli schemi dell’asset allocation

Fondi, se resta solo la commissione di performance (o quasi)

Ti può anche interessare

Groupama Am sceglie SimCorp per il front e middle office

L’obiettivo di crescita ha spinto Groupama Asset Management a consolidare e semplificare la propri ...

Axa Italia lancia la rete di advisor per le Pmi

Sono i business advisor, figura innovativa introdotta da AXA Italia per diventare il riferimento in ...

Wealth manager, rivoluzione in vista

PwC prevede che gli asset under management globali (aum) quasi raddoppieranno entro il 2025, cresce ...