Vontobel bastian contraria ha fiducia nell’Italia

A
A
A
di Redazione 5 Settembre 2012 | 10:19
Christophe Bernard, chief strategist del gruppo, si attende che la Bce, assieme all’Efsf, riesca a frenare l’ascesa dei…

ITALIA PAESE CHIAVE PER IL FUTURO DELL’AREA EURO – “Con una mossa che potrà sembrare ‘controcorrente’, abbiamo deciso di acquistare titoli di Stato italiani a lunga scadenza, perché offrivano un rendimento allettante e – a nostro parere – un basso rischio di downside”. Così, in una nota firmata dal chief strategist Christophe Bernard, il gruppo Vontobel comunica la sua fiducia sull’Italia. “Ci aspettiamo che la Bce, assieme all’Efsf, riesca a frenare l’ascesa dei tassi di interesse. Essendo probabilmente troppo grande per un’operazione di salvataggio, l’Italia è un Paese chiave per il futuro dell’area dell’euro: è il maggiore mercato obbligazionario d’Europa e il terzo del mondo dopo gli Stati Uniti e il Giappone”.

STABILIZZARE LA DINAMICA DEL DEBITO – L’Italia ha un pesante onere fiscale, riconosce Vontobel, con un rapporto tra debito e Pil del 120%. Per molto tempo ha registrato una crescita economica minima e ha perso di competitività dopo l’adozione dell’euro. D’altro canto, genera un notevole avanzo primario e ha mantenuto stabile il rapporto tra debito e Pil dal 1992, impresa che Vontobel giudica “senza pari tra i Paesi dell’area dell’euro”. Inoltre, sta attuando riforme strutturali e una profonda trasformazione del sistema pensionistico. Insomma, “la capacità dell’Italia di stabilizzare la dinamica del debito è molto maggiore di quanto pensino gran parte degli operatori”.
 
PREFERIRE IL DEBITO DEI MERCATI EMERGENTI – Quanto ai mercati in generale, il clima secondo Vontobel rimane invariato: elevati livelli di debito, una crescita insufficiente, massicci e ripetuti interventi delle banche centrali e crescenti rischi fiscali e regolatori, che influenzano la visibilità degli utili in molti Paesi. “Non ci aspettiamo quindi una stabile tendenza rialzista delle Borse, bensì un’oscillazione dei corsi entro un ampio range. Per questi motivi, restiamo fedeli al nostro indirizzo di lunga data, che privilegia il debito dei mercati emergenti e le obbligazioni high yield, mentre evita i titoli di Stato della Germania e della Svizzera e mantiene una notevole esposizione in oro. Nonostante i recenti acquisti”, conclude la nota, “deteniamo un’ingente posizione cash, che ci permette di cogliere interessanti opportunità di investimento quando si presentano”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram ISPB, pandemia e polemiche

Da Tikehau Capital un fondo dedicato ai mercati privati

Fideuram Ispb, piatto ricco per Intesa

NEWSLETTER
Iscriviti
X