Promotori, se il gestore preferisce l’hi-tech alle utilities

A
A
A
Maria Paulucci di Maria Paulucci 9 Ottobre 2012 | 12:34
Esce il nuovo Investment Manager Outlook di Russell Investments, che ha coinvolto quasi 200 money manager

L’UMORE DEI GESTORI – I gestori americani sembrano divisi sull’impatto che la crisi dell’eurozona avrà sui mercati. Secondo il sondaggio trimestrale effettuato da Russell Investments, quasi la metà degli intervistati (il 48%) ritiene che gli sviluppi della situazione europea avranno un impatto negativo sui mercati nel prossimo anno. Il 33% si aspetta invece che l’andamento della crisi possa avere riflessi positivi, crede possibile una risoluzione e ritiene che molte notizie negative siano già scontate dal mercato.

GLI EVENTI CHIAVE – L’Investment Manager Outlook di Russell Investments ha coinvolto quasi 200 money manager americani che si occupano delle scelte di portafoglio presso società di gestione specializzate sull’azionario e sull’obbligazionario. Secondo i gestori intervistati, i due principali eventi che avranno un impatto positivo sul mercato americano nel 2013 saranno le elezioni presidenziali (30%) e la risoluzione del cosiddetto “fiscal cliff”: a dicembre 2012, se non interverranno modifiche normative, scadranno una serie di agevolazioni fiscali introdotte dalle passate legislature ed entreranno in vigore i tagli alla spesa pubblica.

IL FATTORE CINA
– Anche la situazione della Cina, secondo lo studio di Russell Investments, rappresenta una fonte di preoccupazione: il 18% degli intervistati ritiene che il recente rallentamento dell’economia cinese possa avere conseguenze negative. In calo le aspettative sulla crescita degli Stati Uniti. Nonostante la buona reazione iniziale dei mercati all’annuncio di un nuovo quantitative easing e di stimoli per l’economia, la politica della Fed non è tra gli eventi principali che i vari gestori citano come rilevanti sui mercati. La grande maggioranza dei gestori intervistati (73%) ritiene che la crescita del prodotto interno lordo negli States si attesterà tra l’1,5 e il 2% per il prossimo anno.

MAGGIORE CAUTELA
– L’ultima rilevazione dell’Investment Manager Outlook di Russell Investments mostra i gestori meno rialzisti rispetto ai dati di giugno. Il 53% è rialzista sul comparto Us large cap growth equities, il 20% in meno rispetto al dato registrato nel settembre 2011. Sullo stesso periodo, i gestori che vedono al rialzo il comparto Us large cap value equities sono scesi di 11 punti percentuali, attestandosi al 52%, mentre i rialzisti sull’azionario dei mercati emergenti sono scesi addirittura di 24 punti percentuali, a quota 50%. Al contempo, il real estate diventa l’asset class sulla quale i gestori sono più ottimisti (55%, livello mai raggiunto da quando la rilevazione viene effettuata).

SETTORI CHE PIACCIONO
– Una crescita anche per il comparto non-US developed market equities, che vede salire di 11 punti la percentuale di rialzisti (38%). Cash e governativi americani scendono entrambi al 7% rispetto ai valori registrati a giugno, quando i rialzisti erano il 17% e il 12%. L’outlook dei gestori di Russell Investments mostra come le loro preferenze vadano ai settori pro-ciclici e orientati alla crescita come i tecnologici e l’energia. I settori più tradizionalmente difensivi come le utilities e i beni di consumo registrano, invece, livelli inferiori di preferenze rispetto a giugno, rispettivamente con un calo dell’11 e del 15%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elezioni UK, tutte le voci dei gestori

Elezioni Johnson, i gestori dicono la loro

Fondi, ecco i gestori d’oro del 2019

Gestori in vetrina – Lyxor Etf

Gestori in vetrina – Investec AM

Gestori in vetrina – Invesco

Gestori in vetrina – Vanguard

Gestori in vetrina – Edmond de Rothschild AM

Gestori in vetrina – Ubs GWM

Gestori in vetrina – Jupiter

Gestori in vetrina – Anima

Gestori in vetrina – DWS

Gestori in vetrina – Franklin Templeton

Gestori in vetrina – T.Rowe Price

Gestori in vetrina – NN Investment Partners

Gestori in vetrina – Candriam

Il grande crollo dei gestori

Fondi pensione a caccia di gestori

La triade oscura dei gestori

Asset allocation, la gestione attiva in tempi di volatilità emergente

Candriam nomina un nuovo capo per l’investment solutions

Mifid 2, cosa cambierà per sim e gestori

Inseguendo la crescita

Promotori, in fase di lancio il roadshow primaverile di Janus

Quanto è bello fare il gestore

La tassazione sulle rendite finanziarie spingerà la ricerca di rendimenti, lo credono i gestori

Gestori, Threadneedle ha quasi l’1,7% di Anima Holding

Ecco perché gli investitori sono davvero preoccupati da Basilea III

Blueindex – Banche e gestori brillano in Borsa

Spazio ai settoriali

Doppio acquisto per Carmignac Gestion

Fase d’assestamento, ma senza recessione

Portafogli dei big a prova di deflazione

Ti può anche interessare

Fundstore e Ifigest, ecco i podcast per capire i mercati

Banca Ifigest, banca indipendente che opera nel settore della gestione patrimoniale e nei servizi di ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 31/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Asset allocation, scommessa infrastrutture

Vi riportiamo di seguito un commento sull’importanza delle infrastrutture per la ripresa post Covi ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X