Fondi pensione, come cambia l’operatività

A
A
A
di Redazione 19 Dicembre 2012 | 15:06
Rbc Investor Services fa un sondaggio tra gli operatori del settore: con le nuove regole della Covip, politiche di investimento più trasparenti ed efficienti.

LE NUOVE DISPOSIZIONI COVIP – Tre quarti dei professionisti della previdenza integrativa, interpellati da Rbc Investor Services, concordano sul fatto che le nuove disposizioni Covip sulla politica di investimento dei fondi pensione attribuiranno alla banca depositaria un ruolo ancor più centrale all’interno di un sistema che ha in gestione 94 miliardi di euro di asset. Lo si apprende da una nota. Mauro Dognini, direttore generale di Rbc Investor Services in Italia, ha dichiarato: “I fondi pensione devono poter migliorare in termini di efficienza, trasparenza, gestione del rischio e governance soprattutto in un periodo come questo, caratterizzato da una profonda incertezza economica, in cui il tema della sostenibilità del sistema previdenziale nazionale è tornato di estrema attualità. Toccherà alle banche depositarie supportare i fondi pensione e i loro consulenti fornendo analisi puntuali e analitiche del flusso di informazioni, in linea con le nuove regole”.

IL SONDAGGIO DI RBC INVESTOR SERVICES – Le disposizioni dell’autorità di vigilanza, operative dal 31 dicembre, impongono al fondo di fornire maggiori dettagli sulla politica di investimento e sugli strumenti nei quali intende investire. La Covip impone ora anche una maggiore trasparenza sui ritorni attesi, sulla stima delle performance, sul sistema di controllo e su eventuali misure correttive per preservare il valore delle partecipazioni in portafoglio e raggiungere gli obiettivi di rendimento. Rbc Investor Services, alla vigilia dell’entrata in vigore delle nuove regole, ha effettuato un sondaggio tra gli esperti del settore per una valutazione dei possibili impatti delle disposizioni e del nuovo ruolo che la banca depositaria andrà ad assumere.

L’ESITO DEL SONDAGGIO – Tutti i partecipanti al sondaggio ritengono che questa riforma avrà un impatto positivo sulla governance dei fondi pensione, con il 43% che si è detto particolarmente convinto dell’efficacia di queste nuove disposizioni. Il campione interpellato concorda anche sul fatto che la delibera avrà un impatto sull’organizzazione della sua struttura (“una riorganizzazione solo parziale” sarà necessaria per l’83% degli intervistati; “una totale riorganizzazione” per il 17%). Molto probabilmente la delibera della Covip avrà un certo impatto anche in termini di costi, anche se il 74% del campione ritiene improbabile un incremento sopra i 100mila euro. Solo per il 17% i costi da sostenere saranno ancora più elevati, mentre per il 10% non ci sarà alcun effetto economico sulla propria organizzazione. Tra le misure legislative che dovrebbero essere adottate per stimolare la crescita dei fondi pensione in Italia, il 57% degli interpellati guarda con favore all’iscrizione obbligatoria per i nuovi assunti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenza previdenziale: meglio un fondo del tfr, ecco la prova

Fondi pensione, il Covid-19 non intacca i rendimenti

Fondi pensione, gestione oltre i 180 miliardi di euro

NEWSLETTER
Iscriviti
X