Isvap, la crisi nel 2012 ha fatto bene al settore assicurativo

A
A
A
di Gianluca Baldini 24 Dicembre 2012 | 13:31
Secondo le consuete rilevazionI dell’Istituto per la vigilanza delle assicurazioni private, il mercato assicurativo italiano nei primi sei mesi del 2012 è andato decisemente meglio rispetto al primo semestre 2011.

UTILE IN CRESCITA NEL PRIMO SEMESTRE 2012 – Nel primo semestre 2012 l’utile netto complessivo conseguito dalle imprese assicurative è stato di 3,02 miliardi di euro, in notevole crescita rispetto ai 936 milioni di euro del primo semestre 2011 e con una netta inversione di tendenza rispetto alla perdita di 3.6 miliardi dell’intero 2011. È quanto si ricava dalle analisi statistiche dell’Isvap. Per quanto riguarda la Rc auto, in particolare, l’utile tecnico è stato di 742 milioni di euro, in forte aumento rispetto ai 102 milioni del primo semestre 2011 e in netta controtendenza rispetto alla perdita di 482 milioni di euro dell’esercizio 2011.

LA RIPRESA DEI TITOLI DI STATO È UN TOCCASANA – “Il positivo risultato della prima metà del 2012 è principalmente da ascrivere al favorevole andamento della gestione finanziaria, dovuto soprattutto alla ripresa delle quotazioni dei titoli di Stato e dei titoli azionari, e al significativo miglioramento della gestione tecnica dei rami danni”. A fine giugno il totale degli investimenti delle imprese assicurative era di 520,2 miliardi. Il patrimonio netto ammontava a 51,1 miliardi, le riserve tecniche dei rami vita a 431,6 miliardi, quelle dei rami danni a 67 miliardi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Assicurazioni, l’Isvap introduce l’obbligo di formazione per i membri dei cda

Assicurazioni, è conto alla rovescia per l’Ivass

Assicurazioni: raccolta premi più forte al Nord

NEWSLETTER
Iscriviti
X