Gam Holding chiude l’anno in utile, ai blocchi di partenza la nuova organizzazione

A
A
A
di Redazione 5 Marzo 2013 | 08:39
La società nata nel settembre 2009 dalla scissione di Julius Baer contava a fine dicembre 2012 asset under management per 116,2 miliardi di franchi svizzeri.

AUM PER 116,2 MILIARDI DI FRANCHI – La svizzera Gam Holding chiude il 2012 con 162 milioni di franchi di utile netto (underlying net profit), in lieve calo rispetto ai 165,2 milioni del 2011, e annuncia nuove nomine ai piani alti nell’ambito di una riorganizzazione della propria struttura. La società nata nel settembre 2009 dalla scissione di Julius Baer contava a fine dicembre 2012 asset under management per 116,2 miliardi di franchi, +9% su anno, grazie al contributo positivo sia di Gam sia di Swiss & Global AM. Il dividendo proposto è di 0,5 franchi per azione, in linea con gli anni precedenti.

NUOVA STRUTTURA ORGANIZZATIVA
– Sul fronte della riorganizzazione, Gam Holding conferma che, a partire dal prossimo 18 aprile, David M. Solo, attuale ceo per entrambi i business operativi del gruppo, assumerà il ruolo, appena istituito, di  group ceo, nell’ottica di una struttura più integrata, mentre Johannes A. de Gier – attuale presidente e amministratore delegato – si candiderà solamente alla carica di presidente. Parallelamente, il board si allargherà con l’ingresso di nuovi membri, e sarà così composto:

David M. Solo – Group Chief Executive Officer
Marco Suter – Group Chief Financial Officer, con responsabilità sul rischio
Scott Sullivan – Group General Counsel
Craig Wallis – Global Distribution and Marketing
Michele Porro – Distribution Swiss & Global Asset Management / Region Head Ch
Andrew Hanges – Operations GAM / Region Head Uk
Martin Jufer – Operations Swiss & Global Asset Management

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Gam, ultima tappa per chiudere la vicenda dei fondi ARBF

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

NEWSLETTER
Iscriviti
X