Analisi, Bnp Paribas IP consiglia ancora cautela sull’azionario

A
A
A
di Redazione 3 Maggio 2013 | 13:24
Matthieu David, responsabile della distribuzione esterna di Bnp Paribas Investment Partners, evidenzia nella sua strategia settimanale sui mercati che…

NESSUN MIGLIORAMENTO DEGNO DI NOTA – Anche se i mercati finanziari hanno accolto con favore il nuovo governo italiano basato su un’ampia coalizione – con i rendimenti dei titoli di Stato biennali diminuiti fino a sfiorare i minimi storici – gli analisti di Bnp Paribas Investment Partners non hanno riscontrato miglioramenti degni di nota particolare.

I RISCHI RESTANO – “A nostro avviso, vi sono ancora dei rischi di ribasso per i mercati”, osserva nella sua strategia settimanale Matthieu David, responsabile della distribuzione esterna di Bnp Paribas Investment Partners. “Inoltre, bisognerà verificare la tenuta del governo italiano e la sua capacità di risanare le finanze pubbliche in condizioni di bassa crescita”.

DATI SOCIETARI DELUDENTI – Allargando l’analisi all’area euro e agli Usa, i dati economici non stanno migliorando e i risultati reddituali pubblicati dalle imprese sono stati per lo più deludenti, osserva David. Senza contare che molte società hanno diramato stime pessimistiche per quanto riguarda il futuro, fattore che potrebbe avere “ripercussioni negative sui titoli azionari”.

SOTTOPESO NEL COMPARTO AZIONARIO – Alla luce di queste considerazioni, gli esperti preferiscono mantenere la posizione sottopesata nel comparto azionario a livello globale. “Resta invariato anche il resto dell’allocazione degli attivi dato che non condividiamo la recente ondata di ottimismo sui mercati finanziari”, aggiunge David.

LE POLITICHE MONETARIE NON SARANNO SUFFICIENTI – “Inoltre, se si analizzano le stime di crescita e l’andamento dei profitti, secondo i nostri esperti le prospettive di breve periodo per i titoli azionari sono sfavorevoli. A nostro avviso, infatti, le politiche monetarie non saranno sufficienti a compensare i fattori negativi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X