Il Trust di diritto maltese

A
A
A
di Biagio Campo 20 Maggio 2013 | 08:00
A Malta bastano 5.000 euro per costituire un Trust. Numerosi i vantaggi rispetto ad una polizza unit linked.

Dopo la buona crescita nella domiciliazione dei fondi comuni, retail ed hedge, Bank of Valletta sta puntando a far conoscere meglio le opportunità che Malta offre come giurisdizione presso la quale costituire un Trust, forte di una normativa ad hoc e di costi competitivi. Il Trust in Europa e nel mondo è una struttura molto apprezzata che consente, grazie alla flessibilità di utilizzo cui si presta, di cogliere diversi tipi di benefici.

In Italia non vi è una specifica legge sul Trust, per questo numerosi italiani guardano ad altre giurisdizioni di matrice offshore, sebbene questo comporti parecchi problemi e rischi spesso di compromettere l’efficacia stessa del Trust.

In sintesi il Trust si configura come un rapporto fiduciario in virtù del quale un determinato soggetto (che viene denominato trustee e che ricopre il ruolo di amministratore e gestore del trust) gestisce un patrimonio che gli è stato trasmesso da un altro soggetto (denominato settlor) per uno scopo prestabilito a favore di uno o più beneficiari. Con tale operazione il settlor trasferisce dei beni ad un fiduciario, costituendo quindi un patrimonio separato dal proprio patrimonio personale e garantendo a quei beni conferiti nel Trust una inattaccabilità da parte dei possibili creditori. 

 
Il Trust diviene quindi uno strumento per provvedere alla protezione del patrimonio, pianificazione successoria, tutela dei minori o di portatore di handicap, mantenimento di alti livelli di flessibilità e consolidazione del diritto di proprietà dei propri beni posseduti in vari paesi sotto un’unica giurisdizione, il tutto in un ambiente di totale riservatezza e confidenzialità.

La convenienza nello scegliere Malta come location ideale per la costituzione di un Trust è ben riscontrabile in alcuni elementi particolarmente significativi, in primis l’esistenza di una normativa apposita, modellata sulla base di quella anglosassone, e di un solido sistema di regolamentazione per i soggetti che operano come trustees e per coloro che svolgono attività fiduciarie. 

Vi è inoltre il vantaggio di un sistema di diritto civile con un codice basato sul diritto romano e sul Codice Napoleonico, con forti similitudini al diritto civile italiano

“Il costo per costituire e mantenere un Trust dipende dalla tipologia dei beni che in esso devono essere conferiti e da dove sono ubicati, a chi sono intestati (persone fisiche o società), così come dal valore dei beni. Possiamo dire che per la costituzione di un Trust che non preveda particolari procedure o valutazioni, le commissioni di set up sono di circa 5.000 euro”, spiega l’avvocato Andrew Chetcuti Ganado, a capo della Trustee Services Unit di Bank of Valletta.

Per i costi di gestione e mantenimento si parte da un importo pari allo 0,25% del valore degli asset conferiti nel Trust, ma la cifra varia e può essere definita di comune intesa tra settlor e trustee, a seconda delle caratteristiche dei beni (immobili, fondi, titoli finanziari quotati, conti correnti, gioielli, opere d’arte, partecipazioni societarie, ecc.). Se il valore degli assets è particolarmente significativo, si può anche concordare una cifra forfettaria annuale”, prosegue Ganado. 

Numerose sono anche le differenze del Trust rispetto ad una polizza unit linked personalizzata: quest’ultima infatti può ricevere come conferimento liquidità e fondi, mentre nel Trust può rientrare qualsiasi tipologia di bene. Inoltre il Trust ha una durata fino a 100 anni ed offre la flessibilità di cambiare nel corso del tempo i desideri del settlor, mentre la polizza matura appena la persona assicurata muore”, conclude Ganado.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti