Buona partenza per il Classic Car Fund

A
A
A

Rialzo dell’1,2% nell’ultimo trimestre per il fondo che investe nelle auto d’epoca.

Biagio Campo di Biagio Campo24 luglio 2013 | 08:00

Il Classic Car Fund del Custoza Family Office di Zurigo, investe in auto d’epoca di differenti produttori ed annata, un settore di nicchia che non sembra aver risentito della crisi internazionale. 

 
Guardando i dati fronti dall’associazione dell’industria automobilista tedesca (VDA), l’indice German Classic Car (DOX), composto da 88 modelli di 7 differenti nazioni, dal 2003 al 2012, ha ottenuto un guadagno dell’83%. 
I modelli che hanno registrato le performance più significative dal 1999 al 2012 sono la Citroën 2CV 6, (+345%, che ha raggiunto un valore di 7.900 euro), la Renault R4 (6.300 euro, +293%) e la Porsche 924 (10.500 euro, +288%).
 
Tra le diverse case Porsche si conferma di grande interesse.
Per coloro che vogliono un’auto d’epoca come un investimento le Porsche, sia la classica 356, ma certamente anche modelli più nuovi, costruiti prima del 1988, rappresentano un’interessante possibilità. “La Porsche 933 (anno 1995-1998), la 911 SC e i modelli newtimer (ovvero auto degli anni ’80 e ‘90) sono attualmente considerati una delle migliori opportunità d’investimento” spiega Filippo Pignatti, Fund Manager del Classic Car Fund. “Modelli in ottimo stato, con una guida molto divertente, come ad esempio la SC 911, si possano trovare in Germania ad una cifra compresa tra i quindici ed i trentacinque mila euro, che scende attorno ai 12/15 mila euro per le vetture in stato peggiore”. La Porsche 356, costruita dal 7 luglio 1948 fino al 1965, fu il primo modello realizzato con la produzione in serie. Il nome 356 deriva dal numero di costruzione del motore. I prezzi di questo primo modello originale con il parabrezza diviso in due e il sedile continuo per guidatore e passeggero sono ai massimi storici. “Per vetture restaurate di questo modello si parte da un minimo di 70.000 euro. Cifra ancora maggiore per una Speedster (200.000 euro) e per la Porsche 356 1500 S Cabrio o la Carrera, che raggiungono quotazioni di circa 550 mila euro”, conclude Pignatti.
 
Porsche Financial Services, società finanziaria iscritta a Banca d’Italia, con l’obiettivo preciso di supportare Porsche Italia nella vendita dei veicoli sembra credere al settore delle auto d’epoca.
“Siamo l’unica società in grado di offrire la copertura RCA anche alle auto d’epoca del marchio tedesco. Abbiamo siglato una ventina di polizze nelle prime settimane di lancio ed attualmente stiamo siglando circa 5 polizze alla settimana”, spiega Alessandro Privitera, Sales & Marketing Director di Porsche Financial Services Italia
 
A maggio il Fondo ha acquistato durante la manifestazione a Villa d Este la splendida MG K3 Magnete, auto che verrà esposta al museo di Tazio Nuvolari a Mantova.
 
Lanciato nel settembre 2012 il Fondo ha ottenuto un rialzo del 2,93%.
La classe retail, con una commissione di gestione del 2% annua, prevede un investimento minimo di 10.000 euro.
Il Fondo è domiciliato a Saint Vincent e Grenadine e calcola il NAV ogni trimestre.
 

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Risparmio gestito, ottobre in flessione

La raccolta netta da inizio anno si mantiene positiva per quasi 13 miliardi, fa sapere Assogestioni. ...

Anima lancia i fondi Magellano e Vespucci

Anima Magellano e Anima Vespucci nascono ed evolvono dall’esperienza e dal successo di due fondi s ...

Gam si prepara a una hard Brexit

L’asset manager svizzero, secondo l’inserto FTfm del Financial Times, è pronto per uno scenario ...