Selectra Investment Sicav, tre anni da festeggiare per il fondo J. Lamarck Biotech

A
A
A

Il comparto Selectra Investment Sicav – J. Lamarck Biotech, lanciato il 24 gennaio 2011, ha festeggiato il suo terzo compleanno con un raddoppio del Nav, partito da…

di Redazione31 gennaio 2014 | 10:08

J. LAMARCK BIOTECH – Il comparto Selectra Investment Sicav – J. Lamarck Biotech, lanciato il 24 gennaio 2011, ha festeggiato il suo terzo compleanno con un raddoppio del Nav, partito da quota 100 e passato lo scorso 27 gennaio 2014 a quota 203,18, pari ad una performance media annualizzata del 26,6%. Il portafoglio modello del comparto J. Lamarck Biotech è diversificato in termini di aziende, pipeline e sottosettori di appartenenza (diagnostica, oncologia, antivirali, patologie autoimmuni, ecc.). E’ composto da una trentina di partecipazioni, quotate prevalentemente sui mercati americani (Nasdaq, NYSE) e una piccola parte su quelli europei e asiatici.

IL COMPARTO – Almeno il 50% degli investimenti posizionato in aziende “top tier” (alta capitalizzazione con ampio fatturato) al quale si aggiungono posizioni in società con elevato tasso di crescita, selezionate attraverso un’accurata analisi volta a massimizzare il valore del comparto. “Siamo arrivati ad un traguardo importante, vincendo una sfida con noi stessi”, ha commentato Gianpaolo Nodari (nella foto), a.d. di J. Lamarck Sim e advisor del comparto. “Prima di lanciare il comparto avevamo già alle spalle un’esperienza di 15 anni nella consulenza in investimenti di tipo biotecnologico per un target di clientela affluent”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Le pagelline dei conti delle reti (quotate)

Un appello a Di Maio per parlare anche di consulenza

Finanziamenti, nel 2018 piccolo è meglio

Banche, quanti tagli alle filiali

Caso Galloro, la risposta di Südtirol Bank

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana

Banche, in Europa fusioni all’orizzonte

Consulente sospeso, riabilitato, risospeso e poi radiato

Consulenza, tra banche e reti non c’è storia

Massimo Doris vale 100 milioni

Bancari e consulenti, quando un robot li sostituirà

Südtirol Bank pesca l’asso da Fideuram

Fineco, quanto è buono il gestito nella raccolta

Diamanti, si ritiri chi può

Divergenze sulla governance, si dimette il presidente di Banca Carige

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Ti può anche interessare

Zurich Italia è un top employer

Assegnata alla compagnia assicurativa la certificazione tra le aziende in cui si lavora meglio ...

Gsam Italia 2017, tutti convocati a Milano

Goldman Sachs Asset Management propone a Milano, mercoledì 25 ottobre, la conferenza annuale Gsam I ...

Con Fides il rapporto Pir si apre online

Da oggi l’investitore può aprire un rapporto Pir in completa modalità digitale. È sufficiente r ...