Risparmio gestito, Deutsche Bank promuove Azimut e Mediolanum

A
A
A
Avatar di Redazione 17 Febbraio 2014 | 11:35
In un report gli analisti spiegano perché. Goldman Sachs, dal canto suo, è “neutral” su Mediolanum e Banca Generali, mentre consiglia di comprare Azimut.

MEDIOLANUM E AZIMUT SOTTO ESAME – Le potenzialità delle società italiane del risparmio gestito sono ancora importanti, malgrado il rally dei titoli nel 2013. A dirlo è Deutsche Bank in uno studio – ripreso da Milano Finanza – che mette sotto esame Mediolanum e Azimut. “Nel 2014, grazie ai tassi bassi e al miglioramento sul fronte macroeconomico, la raccolta sarà ancora solida, soprattutto per quei prodotti con alti margini come i fondi azionari e i flessibili. Restiamo quindi costruttivi sull’industria del risparmio gestito in generale. E in questo contesto, rafforziamo la nostra visione positiva su Mediolanum“. Gli analisti assegnano alla società un nuovo obiettivo di prezzo, a 8 euro dai precedenti 7,4, con giudizio “buy”, ossia comprare.

LE TRE RAGIONI DEL POTENZIALE RIALZO – “Malgrado il titolo sia salito del 60% nel 2013, noi vediamo ancora potenziale di rialzo per tre motivi”, aggiunge Deutsche Bank. Il primo motivo riguarda la combinazione tra tassi ai minimi e aumento della fiducia dei consumatori, “che sosterrà la strategia di Mediolanum nel trasferire i patrimoni dal risparmio amministrato ai fondi comuni. A seguire, prevediamo che il gruppo rafforzerà la sua politica di reclutamento. Terzo, il calo della redditività dei titoli di Stato in portafoglio sarà compensato dall’espansione dei margini nell’attività tradizionale”. Bene anche Azimut, il cui prezzo obiettivo passa a 23,2 euro dai 17,6 di prima. “I risultati di Azimut in questo inizio 2014 e quelli di tutto il 2013 sono stati notevoli. Crediamo che il 2014 sarà un altro anno molto buono per il gruppo e manteniamo il giudizio ‘hold’, ossia tenere, solamente per ragioni legate alla valutazione del titolo”.

I RISULTATI DI AZIMUT
– Il rapporto tra prezzo e utile atteso nel 2014 è di 15,1 volte per Mediolanum e di 19,6 volte per Azimut. “La raccolta attesa di Azimut nel 2014 sarà sostenuta dai trasferimenti dei portafogli acquisiti nel 2013 – operazione che di solito richiede dai 18 ai 24 mesi – dall’incorporazione degli asset di Augustum sim, pari a 800 milioni, e dal contributo delle joint venture estere”. Secondo gli analisti, quest’anno il gruppo guidato dall’ingegner Pietro Giuliani potrà registrare una raccolta di 3,2 miliardi di euro arrivando a gestire masse per più di 28 miliardi alla fine del 2014. Esclusa la grande acquisizione che il gruppo potrebbe concretizzare in Italia. Goldman Sachs, dal canto suo, attribuisce a Mediolanum un giudizio “neutral” con prezzo obiettivo a 7,3 euro, ad Azimut un “buy” con tp a 28 euro e a Banca Generali un “neutral” con tp a 25,1 euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Monete, il ruggito del dollaro fa crollare l’euro

L’euro scivola sotto 1,14: frena la crescita in Europa

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

Ubs Wealth Management neutrale sull’euro/dollaro

Dollaro a picco dopo ennesimo schiaffo a Trump da parte del Congresso

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Banche centrali valutano ritorno alla normalità, bond e dollaro in calo

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

Crowdfunding al decollo

Euro in calo dopo parole Draghi: poca crescita, inflazione non durerà

Mercati, sale la tensione per l’avvicinarsi del referendum italiano

Euro/dollaro verso la parità secondo Deutsche Bank

Koenig: il bail in non aumenta il rischio contagio

Atene, intesa vicina coi creditori

Grecia, crisi infinita: anche l’estate del 2016 pare a rischio come nel 2015

Bce non tocca i tassi sull’euro, come previsto

Eurostat: la crescita è guidata da spesa pubblica e consumi

Da oggi in circolazione le nuove banconote da 20 euro

Hollande dichiara guerra all’Isis: la reazione dei mercati

Draghi (Bce): tre pilastri per la moneta unica

Indice Pmi migliora in Eurolandia e in Italia

Draghi (Bce): a dicembre decideremo sul QE

Eurostat rivede al rialzo la crescita del secondo trimestre

Bce: tassi fermi, il quantitative easing potrebbe durare oltre il 2016

Varate le riforme, Tsipras può trattare per un terzo bailout

Riaprono le banche, Atene rimborsa 6,8 miliardi di debito

Merkel: dopo accordo su terzo bailout possibile ristrutturazione debito greco

Lagarde (Fmi): occorre alleviare il debito greco

Prestito ponte alla Grecia, c’è l’accordo di massima

Ma quale Partenone: la Grecia fornirà garanzie, non beni fisici, ai creditori

NEWSLETTER
Iscriviti
X