Buchet (Axa IM): non chiudete la porta all’obbligazionario emergente

A
A
A
di Redazione 17 Febbraio 2014 | 13:07
Secondo il gestore, l’obbligazionario emergente offre un potenziale d’incremento del capitale e di reddito di lungo termine meglio catturato con un approccio total return.

OBBLIGAZIONARIO EMERGENTE – “Riteniamo che l’obbligazionario emergente offra un potenziale d’incremento del capitale e di reddito di lungo termine meglio catturato tramite un approccio total return. Adottando un approccio attivo e conviction based possiamo individuare interessanti opportunità di rendimento e inferiore volatilità soprattutto nel segmento del credito emergente”. A dirlo è Damien Buchet, gestore del comparto Axa WF Emerging Markets Short Duration Bonds. “Le valorizzazioni dell’obbligazionario emergente restano interessanti a nostro avviso e, di media, i fondamentali aziendali sono migliorati. Sarà essenziale quest’anno focalizzarsi sulle opportunità di alpha in termini di differenziazione tra Paesi e settori”.

LA SCELTA DI AXA IM – “Noi”, continua Buchet, “privilegiamo le esportazioni petrolifere, le telecomunicazioni e il settore immobiliare. Riteniamo che il carry resterà probabilmente il principale driver di rendimenti nel primo trimestre. Siamo inoltre principalmente focalizzati sulle valute forti, che tendono a essere meno volatili rispetto all’obbligazionario in valuta locale, il quale comporta rischi aggiuntivi legati per esempio alle fluttuazioni valutarie, ai tassi d’interesse nazionali e ai controlli di capitale potenzialmente maggiori”. Il fondo Axa WF Emerging Markets Short Duration Bonds, fa sapere Axa IM, è stato lanciato alla fine del 2012, superando di recente il miliardo di dollari di asset under management.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

La Bce rivede la forward guidance ma resta accomodante. I commenti dei gestori

Mercati, Bce: attesa una politica monetaria più accomodante

Banche e dividendi: ora la palla passa alla Bce

NEWSLETTER
Iscriviti
X