Credemtel rileva il 20% di Sata

A
A
A

L’operazione è in linea con la strategia del gruppo Credem di investimenti in tecnologia ed innovazione per continuare ad offrire ai clienti servizi all’avanguardia.

Chiara Merico di Chiara Merico25 luglio 2017 | 10:03

L’ACQUISIZIONE – Credemtel, società del gruppo Credem attiva nell’offerta di servizi digitali ad aziende e Pubblica Amministrazione guidata dal direttore generale Paolo Zavatti, ha acquisito nelle scorse settimane il 20% di Sata Srl, specializzata nello sviluppo di soluzioni software avanzate per le imprese come la fatturazione elettronica e l’estrazione dati da documenti. Questa operazione è in linea con la strategia del gruppo Credem di investimenti in tecnologia ed innovazione per continuare ad offrire ai clienti servizi all’avanguardia. “La tecnologia continua ad essere un driver importante per poter competere efficacemente in un contesto di mercato sempre più complesso”, ha dichiarato Paolo Zavatti, direttore generale di Credemtel. “Utilizziamo la tecnologia di SATA già da diversi anni”, ha proseguito Zavatti, “quindi nulla di più naturale che rafforzare la collaborazione con una partecipazione diretta. Allo stesso tempo”, ha proseguito Zavatti, “è iniziata un’approfondita analisi delle ulteriori sinergie che potremo mettere in campo”.

ULTERIORI QUOTE IN SEGUITO – In particolare l’accordo, perfezionato nelle scorse settimane, prevede l’opzione di acquisto di un ulteriore 20% di Sata da parte di Credemtel entro il 2020 e inoltre il direttore generale di Credemtel, Paolo Zavatti, è stato cooptato nel consiglio di amministrazione di Sata. Sata è una Pmi innovativa con sede a Modena nata da una start up universitaria fondata nel 1982 da due professori di Ingegneria dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Oggi ha oltre 150 clienti diretti e 38 mila indiretti. Nel dettaglio, per Credemtel l’operazione ha l’obiettivo di rafforzare la partnership con Sata per offrire ai clienti soluzioni tecnologiche sempre all’avanguardia. La valenza strategica dell’accordo è legata in particolare al principale software di Sata, il DDE (Doc Data Extractor), la cui funzionalità permette di riconoscere i contenuti dei documenti di business come fatture attive e passive, ordini, ecc., traducendoli in qualsiasi formato strutturato, con un elevato tasso di successo.La piattaforma DDE, già integrata con i servizi che propone Credemtel, ha l’obiettivo di contribuire al ridisegno dei processi interni alle aziende, in particolare a quelli riconducibili alla generazione e alla trasmissione di documenti amministrativi in formato strutturato. In particolare, anche grazie alla spinta derivante dall’attuale tendenza normativa nazionale ed europea, nel giro di alcuni anni i canali di scambio tradizionali di tali documenti come ad esempio l’invio tramite posta o e-mail, saranno progressivamente sostituiti. Già oggi ,grazie alla partecipazione in Sata, Credemtel può proporre ai clienti Credem servizi innovativi di digitalizzazione di documenti della supply chain e di gestione di documenti obbligatori da trasmettere all’Agenzia delle Entrate (es. spesometro analitico).

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Pallavolo, Credem sponsor della serie A maschile

Polizze, Credem e Reale Mutua ancora alleate

Credem, 800 milioni di euro per le Pmi

Operazioni sospette, sospeso un ex Credem

Derivati, vittoria in tribunale del Credem e dello Studio Zitiello

Stop di 60 giorni per un cf ex Credem

Credemholding, dividendo stabile a 1,75 euro

Banca Euromobiliare, poker di cf nell’area di Bisi

Credemleasing, nuovi contratti col turbo

Che bello lavorare in Credem

Pallavolo, schiacciata vincente di Credem

Credem finanzia lo Stato di ebbrezza (al cinema)

Franzoni (Credem): “Così crescerà la nostra rete”

Credem, fondi e polizze trainano la raccolta

Credemholding, vola l’utile nel 2017

BLUERATING in edicola: “Spirito di squadra”

Reti Credem, Benetti in cabina di regia

Da Credem mezzo miliardo alle imprese italiane

Consulenti: Credem vince su CheBanca!

Multiproprietà non autorizzate e altre violazioni, radiato ex Fideuram ISPB e Credem

Credem, volano utili e dividendo

Nozze col Credem? Banco Desio risponde picche

Credem, largo ai giovani e 250 nuove assunzioni

Credem, patrimonio ancora più solido

Credem, Rondini a capo del private banking

Credem, ecco la superdivisione dedicata ai privati

Credem, utile in crescita per la holding

I fondi di Capital Group nella rete del Credem

Credem, Euromobiliare Am Sgr diventa management company per la Sicav lussemburghese

Credem chiude il 2017 con 21 nuovi ingressi

Janus Henderson, coppia di sicav nella rete del Credem

Credem ingaggia Tinti e va a caccia di 130 consulenti finanziari

Credem, corre l’utile del leasing

Ti può anche interessare

Exploit di M&G, ancora giù Generali

Al secondo posto per la raccolta troviamo il gruppo Amundi con 1.665,5 milioni di euro, seguito dal ...

Closing per il fondo Algebris NPL Fund II

Dal lancio, il fondo ha già investito in crediti in sofferenza assisti da garanzie reali per un val ...

Polizze vita, Aduc: “Clienti male informati”

Mancando la garanzia della conservazione del capitale alla scadenza (quale sarebbe il significato di ...