BlackRock Vs. Google: la minaccia tech per i gestori di fondi

A
A
A
di Daniel Settembre 11 Giugno 2014 | 12:30
Le grandi aziende tecnologiche stanno provando a muovere i primi passi nell’industria del risparmio gestito. Il settore inizia a temere la concorrenza.

BLACKROCK VS. GOOGLE – In futuro potrebbe scatenarsi una vera e propria guerra tra titani. Forse parlare di una sfida tra due giganti come BlackRock e Google è ancora prematuro, ma le grandi aziende tecnologiche stanno muovendo i primi passi nel fertile terreno dell’asset management. Come scrive il magazine britannico Financial News “dopotutto in questi anni per i gestori patrimoniali è stato tutto fin troppo semplice. Le commissioni non sono diminuite, anche nei periodi di scarso rendimento. Anzi,  grazie alla tecnologia, i margini operativi sono aumentati”.

I PRIMI PASSI – Ciò che i manager dovrebbero temere, invece, è la capacità di distribuzione capillare di società come Google, Facebook o Amazon, qualora decidessero di trasferire la loro potenza di fuoco tecnologica nella gestione patrimoniale. E lo stanno già in parte facendo. Circa due mesi fa, il social network di Mark Zuckerberg ha infatti lanciato un servizio finanziario grazie al quale gli utenti possono raccogliere soldi virtuali e usarli per pagare o fare transazioni con gli altri.

LEGGI ANCHE —> FACEBOOK SFIDA LE BANCHE E SI LANCIA NEI SERVIZI FINANZIARI

GOOGLE E AMAZON – Google non è da meno. Negli Stati Uniti, la società di Mountain View ha introdotto il Google Wallet, che consente ai clienti i utilizzare i loro telefoni per effettuare pagamenti nei negozi on-line. Amazon possiede uno dei più sofisticati sistemi al mondo per la gestione della liquidità per sostenere le vendite online. E ha, inoltre, iniziato a commercializzare le carte di credito attraverso i suoi canali di distribuzione on-line, più le app per asset manager come Fidelity e Vanguard.

PRONTI ALLA CONCORRENZA? – Il numero uno di Jp Morgan, Jamie Dimon, sta tenendo sott’occhio la possibile minaccia. A inizio anno ha dichiarato che “quando vado nella Silicon Valley, sembra che tutti vogliano mangiare il nostro pranzo. Tutti ci stanno provando”. E Francisco González, a.d. della banca spagnola BBVA, sul Financial Times, ha messo in guardia il settore: “penso che le banche non siano pronte a fronteggiare questa nuova concorrenza”.

LEGGI ANCHE —> SE I COLOSSI TECH SI SFIDANO A COLPI DI FONDI D’INVESTIMENTO 

DALLA CINA – Ma la minaccia arriva anche dal fronte orientale. I giganti tecnologici cinesi come Baidu, Tencent e Alibaba stanno cominciando a offrire servizi di gestione del risparmio e di consulenza attraverso i loro portali su Internet. Alibaba ha acquistato il 51% di Tianhong Asset Management, che è diventato subito uno dei maggiori fondi del Paese. D’altronde è davvero così impensabile che un investitore online possa seguire un fondo semplicemente mettendo “like” su Facebook?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X