Threadneedle: bisogna pensare globale per assicurarsi un reddito

A
A
A
Avatar di Redazione 13 Giugno 2014 | 07:39
Per Threadneedle l’enfasi va posta su società che offrono un dividendo alto e sostenibile, un potenziale di crescita e un rendimento da dividendo sopra il 4%.

ALLA RICERCA DEL REDDITO – Negli ultimi anni le società sono riuscite a risanare con successo i loro bilanci, anche se dopo la crisi finanziaria del 2008 molte sono propense a mantenere ancora oggi un orientamento prudente. Ed è su queste che gli asset manager vogliono puntare. Per Stephen Thornber, gestore del fondo Threadneedle Global Equity Income, l’enfasi va posta sull’investimento in società che offrono un dividendo alto e sostenibile, un potenziale di crescita e un rendimento da dividendo sopra il 4%.

Perché investire nell’azionario globale per conseguire reddito?
In un contesto di tassi di interessi e rendimenti obbligazionari ridotti, il nostro fondo rappresenta un’interessante fonte alternativa di reddito. Noi cerchiamo società che pagano un dividendo elevato e che sono focalizzate sui rendimenti per gli azionisti, anche se non è abbastanza. Infatti investiamo in società che, oltre a questo, possono anche crescere in termini di ricavi. In più, devono avere un bilancio solido: questo ci dà la certezza che i dividendi sono sostenibili e che il business può continuare a finanziare la crescita. Bisogna comunque essere selettivi ed evitare le trappole del valore.

Le strategie income si distinguono in termini di rendimento totale?
Sì, vantano nel lungo periodo un record di sovraperformance rispetto ad altri approcci. Da un’analisi degli ultimi 20 anni emerge che le azioni che distribuiscono dividendi hanno messo a segno ottimi risultati e che a un rendimento più elevato corrisponde una performance più robusta. I dati indicano che la qualità degli investimenti e l’allocazione disciplinata del capitale che caratterizzano questi titoli si sono tradotte in segni più.

Attese sull’inflazione?

Sebbene al momento ci sia ancora capacità inutilizzata nelle economie, ci aspettiamo che l’inflazione aumenterà se la crescita economia continua a migliorare. Per gli investitori interessati a preservare il potere d’acquisto, anche una crescita modesta dei dividendi pari al 5% annuo offre una protezione e riteniamo che le società appetibili in grado di incrementare i dividendi nella misura di almeno il 5% nel corso dei prossimi anni siano numerose.

I rischi del fondo?
Quello di un’elevata volatilità a causa della composizione del portafoglio o delle tecniche di gestione utilizzate. Ciò significa che il valore del fondo può aumentare e diminuire in maniera più frequente e pronunciata rispetto ad altri fondi.

E i principali overweight?
Finanza, energia, utility, industriali, beni voluttuari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Anche l’Ocse conferma: tasse tagliano crescita redditi

NEWSLETTER
Iscriviti
X