La tassazione sulle rendite finanziarie spingerà la ricerca di rendimenti, lo credono i gestori

A
A
A

Proponiamo di seguito le opinioni di alcuni gestori sentiti da BLUERATING in merito alla nuova tassazione sulle rendite finanziarie, salita dal 20% al 26%.

Avatar di Diana Bin2 luglio 2014 | 15:00

PARLANO I GESTORI – L’aumento dell’aliquota sulle rendite finanziarie dal 20% al 26% (qui la notizia) è una mossa che certamente non incentiva gli investimenti. E il risparmio gestito non andrebbe tassato alla pari dei profitti derivanti da speculazioni. Detto questo, sembra che gli investitori abbiano ormai scontato la notizia dell’aumento, senza lasciarsi prendere dal panico. Sono queste le opinioni dei gestori sentiti da BLUERATING in merito alla nuova tassazione (qui la voce dei promotori finanziari sull’aumento).

RICERCA DI RENDIMENTO
– “Il rendimento del risparmio gestito dovrebbe essere trattato diversamente dal profitto che si ottiene con una speculazione mordi e fuggi” È questa l’opinione di Matteo Villani, managing director di Vontobel AM. “Credo che questa misura un po’ di impatto ce l’avrà nelle scelte degli investitori. C’è da dire anche che, probabilmente, questo impatto sarà controbilanciato dalla ricerca di performance: i rendimenti sono talmente bassi che credo si avrà un po’ di effetto sostituzione, per cui un investitore penserà: ‘è meglio che mi tassino al 26% una plusvalenza quando questa plusvalenza è maggiore’. In ogni caso, avrei distinto tassazione su risparmio gestito e tassazione sulla speculazione finanziaria”.

UNA NOTIZIA ORMAI DIGERITA
– Per Corrado Caironi, Investments Strategist di Research & Capital Allocation, la clientela ha invece ormai ampiamente digerito e scontato l’aumento dell’aliquota sulle rendite finanziarie. Mentre dal punto di vista consulenziale “c’è stata una maggiore attenzione sui singoli portafogli: per esempio sui titoli azionari che hanno corso di più negli ultimi mesi ci sono state delle prese di beneficio per avvantaggiarsi sul 20%: la scelta in alcuni casi è stata dunque non quella di lavorare sull’affrancamento, ma di lavorare appunto sui singoli titoli e questo si è visto anche sul mercato azionario”.

NUOVA LINFA ALLE POLIZZE UNIT LINKEDEnzo Furfaro, amministratore delegato di Skandia Vita, divisione italiana del gruppo Old Mutual, si aspetta invece che l’aumento della ritenuta fiscale sulle rendite finanziarie porti nuova linfa alle polizze unit linked. “Con questi ultimi aumenti le unit linked si confermeranno strumenti interessanti per i clienti e per i loro differenti bisogni: un esempio possono essere i titolari d’imprese familiari alle prese con il passaggio generazionale che potrebbero guardare con favore alle unit per la loro capacità di coniugare investimenti finanziari e pianificazione successoria in un regime fiscale favorevole”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elezioni Johnson, i gestori dicono la loro

Fondi, ecco i gestori d’oro del 2019

Gestori in vetrina – Lyxor Etf

Gestori in vetrina – Investec AM

Gestori in vetrina – Invesco

Gestori in vetrina – Vanguard

Gestori in vetrina – Edmond de Rothschild AM

Gestori in vetrina – Ubs GWM

Gestori in vetrina – Jupiter

Gestori in vetrina – Anima

Gestori in vetrina – DWS

Gestori in vetrina – Franklin Templeton

Gestori in vetrina – T.Rowe Price

Gestori in vetrina – NN Investment Partners

Gestori in vetrina – Candriam

Il grande crollo dei gestori

Fondi pensione a caccia di gestori

La triade oscura dei gestori

Asset allocation, la gestione attiva in tempi di volatilità emergente

Candriam nomina un nuovo capo per l’investment solutions

Mifid 2, cosa cambierà per sim e gestori

Inseguendo la crescita

Promotori, in fase di lancio il roadshow primaverile di Janus

Quanto è bello fare il gestore

Gestori, Threadneedle ha quasi l’1,7% di Anima Holding

Promotori, se il gestore preferisce l’hi-tech alle utilities

Ecco perché gli investitori sono davvero preoccupati da Basilea III

Blueindex – Banche e gestori brillano in Borsa

Spazio ai settoriali

Doppio acquisto per Carmignac Gestion

Fase d’assestamento, ma senza recessione

Portafogli dei big a prova di deflazione

Ora che il peggio sembra alle spalle, una lezione da non scordare

Ti può anche interessare

Bnp Paribas Am: Usa ed Europa a due velocità

L'economia Usa resta forte, supportata dalle misure di espansione fiscale. D'altra parte, la crescit ...

I nuovi Pir perdono il treno del dl Crescita

La questione dei nuovi Pir assume i contorni di un’Odissea senza film. Dopo essere approdati sul t ...

Fondi, top e flop del 12/02/19

La rubrica del risparmio gestito ...