Fondi pensione, i più grandi hanno asset per 15mila miliardi di dollari

A
A
A
di Redazione 15 Settembre 2014 | 09:11
Secondo l’indagine annuale di Towers Watson, il totale degli asset dei 300 più grandi fondi pensione a livello mondiale nel 2013 ha raggiunto questa somma.

FONDI PENSIONE – Secondo l’indagine annuale Pensions & Investments di Towers Watson, il totale degli asset dei 300 più grandi fondi pensione a livello mondiale nel 2013 è cresciuto del 6% rispetto a circa il 10% nel 2012 per raggiungere un nuovo massimo di circa 15mila miliardi di dollari (erano circa 14mila miliardi nel 2012). L’indagine, condotta in collaborazione con il magazine americano Pensions & Investments, mostra che a livello regionale i fondi di Sud America e Africa, cresciuti di oltre il 16% negli ultimi cinque anni (partendo però da una base bassa), hanno avuto il più alto tasso di crescita rispetto a Europa (12%), Nord America (circa il 6%) e Asia-Pacifico (intorno al 5%). L’indagine mostra anche che i maggiori 300 fondi pensione al mondo attualmente rappresentano circa il 47% del patrimonio previdenziale globale.

LA CLASSIFICA PAESE PER PAESE
– Secondo l’indagine, i fondi a prestazione definita rappresentano il 67% del totale dei patrimoni in gestione, rispetto al 75% di cinque anni fa. Durante il 2013, gli asset dei fondi a prestazione definita sono cresciuti di circa il 3%, a un livello decisamente diverso rispetto ai fondi di riserva (15%), ai piani a contribuzione definita (oltre il 9%) e agli ibridi (oltre 8%). Secondo la ricerca, gli Stati Uniti restano il paese con la maggiore quota di attività gestite da fondi pensione, pari al 36%. Il Giappone ha la seconda più grande quota di mercato, pari a circa il 13%, in gran parte grazie al Government Pension Investment Fund. Tale fondo, sempre in cima alla classifica (una posizione che ha tenuto per gli ultimi dieci anni), ha un patrimonio di circa 1.200 miliardi di dollari. L’Olanda, con il 7%, detiene la terza più grande quota di mercato, mentre Norvegia e Canada sono rispettivamente quarta e quinta con oltre il 6% ciascuno. L’indagine mostra che negli ultimi cinque anni 38 nuovi fondi pensione sono entrati nel ranking e, su base netta, i paesi che hanno contribuito con più nuovi fondi sono stati Australia (tre fondi), Corea del Sud, Russia, Polonia, Colombia e Canada (con due fondi ). Nello stesso periodo, gli Stati Uniti hanno ridotto di 12 unità la loro presenza nella classifica, rimanendo comunque, grazie a 126 fondi, il paese con il numero più alto di fondi pensione. A seguire il Regno Unito con 26 fondi, Canada (19), Australia (16), Giappone (14) e Paesi Bassi (13).

TASSO DI CRESCITA
– Da un punto di vista del tasso di crescita, la ricerca mostra che un fondo norvegese e alcuni fondi cinesi, a fine 2013, hanno avuto la più alta crescita in cinque anni, pari al 20% in termini di dollari. Nello stesso periodo i primi fondi di Corea del Sud, Cile e Australia sono cresciuti rispettivamente del 19%, del 17% e del 15%, sempre in termini di dollari. I fondi giapponesi hanno registrato in cinque anni il tasso di crescita più basso, pari all’1% in termini di dollari. I fondi sovrani continuano a essere ben presenti in classifica: 27 di essi, con un valore di circa 4.200 miliardi di dollari, rappresentano il 28% dei patrimoni. I 113 fondi del settore pubblico inclusi nella ricerca nel 2013 avevano un valore pari a 5.800 miliardi dollari, rappresentando il 39% del totale. Fondi industriali di natura privata (61) e fondi aziendali (99) rappresentano rispettivamente il 14% e il 19% del patrimonio gestito considerato.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi pensione, pericoli in vista

Consulenza previdenziale: meglio un fondo del tfr, ecco la prova

Fondi pensione italiani positivi da inizio 2021

NEWSLETTER
Iscriviti
X