Il Giappone fa bene a Ubp

A
A
A
di Luca Spoldi 29 Settembre 2014 | 14:23
Il recupero dell’azionario giapponese fa bene a Ubam Ifdc Japan Opportunities Equity R che da inizio anno sale del 14,5%. Ma a medio termine la gestione appare fin troppo prudente

GIAPPONE IN RIPRESA ANCHE PER UBP – Il Giappone porta bene a Union Bancaire Privée: con un rialzo dell’1,51% segnato il 25 settembre scorso Ubam Ifdc Japan Opportunities Equity R, comparto di Ubam Sicav denominato in yen che investe prevalentemente in azioni di emittenti giapponesi a piccola e media capitalizzazione è risalito sui massimi degli ultimi dodici mesi, portando a +14,49% il guadagno da inizio 2014 e a +11,19% il rialzo su base annua. Positivi anche i risultati a medio termine: a 3 anni il comparto rende il 29,43%, sugli ultimi 5 anni ha guadagnato il 62,92%.

GESTIONE FIN TROPPO PRUDENZIALE – Il comparto, partito nel luglio del 2007, amministra al momento un patrimonio di circa 7,89 miliardi di yen, pari a quasi 57 milioni di euro e dal 2010 (anno conclusosi con un rialzo delle quote del 32,69%) ha collezionato solo risultati annui positivi. Data la modestia degli stessi peraltro (+1,35% nel 2011, +3,44% nel 2012, +7,84% l’anno passato) il raffronto con altri prodotti della stessa categoria penalizza il fondo di Union Bancaire Privée che resta nel quarto quartile della classifica per performance a 1, 2 e 3 anni, mentre risale al terzo quartile confrontando i risultati a 4 e 5 anni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Jupiter lancia il Global Sustainable Equities per gli internazionali

Fondi, sono tutti da buttare? Il rapporto annuale MBRES

Artemis, le masse in gestione dei fondi lussemburghesi superano i 2 mld di sterline

NEWSLETTER
Iscriviti
X