M&G, arriva un fondo per far fronte al rialzo dei tassi

A
A
A

L’M&G Global Floating Rate High Yieldgestito da James Tomlins, si propone di proteggere il valore dei portafogli obbligazionari dai rialzi dei tassi di interesse, mettendo per la prima volta a disposizione degli investitori retail un nuovo mercato.

di Redazione30 settembre 2014 | 08:46

NUOVO FONDO – Nuovo fondo di investimento per M&G. La società di gestione ha registrato in Italia l’M&G Global Floating Rate High Yield, già lanciato nel Regno Unito l’11 settembre 2014. Il fondo, gestito da James Tomlins (nella foto), si propone di proteggere il valore dei portafogli obbligazionari dai rialzi dei tassi di interesse, mettendo per la prima volta a disposizione degli investitori retail un nuovo mercato.

FLOATING RATES NOTES – L’M&G Global Floating Rate High Yield investe principalmente nel mercato globale dei titoli a tasso variabile (noti come Floating Rate Notes) high yield, che ammonta a 43,9 miliardi di dollari. I titoli a tasso variabile, ricorda M&G, forniscono una copertura naturale dal rialzo dei tassi di interesse in quanto corrispondono una cedola variabile che viene adeguata con cadenza trimestrale. Il fondo sceglie principalmente emittenti di FRN con rating di credito inferiori all’investment grade, che offrono agli investitori rendimenti più elevati per compensare il maggior rischio.

IL COMMENTO DEL GESTORE – “Crediamo che questa sia la prima volta che gli investitori retail di Regno Unito e degli altri Paesi europei abbiano accesso al mercato dei titoli a tasso variabile high yield attraverso un fondo comune”, ha dichiarato il gestore James Tomlins. “Per gli obbligazionisti che temono un rialzo dei tassi di interesse, questo fondo offre un mezzo non solo per proteggere i loro risparmi, ma anche per trarre vantaggio da rendimenti più elevati.” L’aumento dei tassi di interesse è normalmente un fattore penalizzante per le obbligazioni, in quanto spinge al ribasso il loro valore e al rialzo i rendimenti, per compensare i pagamenti della cedola fissa. Le FRN sono virtualmente immuni da un rialzo dei tassi sul breve termine in quanto la loro cedola è variabile, essendo adeguata su base trimestrale. Inoltre, con l’aumento dei tassi di interesse nel breve termine, gli investitori in titoli a tasso variabile beneficiano di rendimenti più elevati, in quanto le cedole vengono automaticamente riviste al rialzo.


Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

Small cap in the Usa con Goldman Sachs

GSAM lancia il fondo US Smaller Cap Equity Portfolio per i clienti europei ...

Bnp Paribas Am: la continuità prevale sulle turbolenze, azioni in rialzo in ottobre

Gli osservatori di mercato hanno interpretato in senso espansivo la decisione del presidente della B ...

Carmignac: dove trovare valore nel mercato obbligazionario

Il 2016 è stato pieno di ostacoli per i mercati obbligazionari, dovuti alla minaccia dei tassi di i ...