Legg Mason, cinque motivi per amare i bond high yield

A
A
A

Michael Buchanan, head of global credit presso Western Asset, affiliata di Legg Mason, elenca cinque motivazioni che dovrebbero indurre gli investitori a considerare con interesse questa asset class.

di Redazione26 novembre 2014 | 14:23

CINQUE MOTIVI PER AMARE GLI HIGH YIELD– Le preoccupazioni legate alla crescita globale, l’inizio di una politica monetaria restrittiva da parte delle banche centrali e la mancanza di liquidità sono tutti fattori che, negli ultimi tre mesi, hanno contribuito al deprezzamento dei titoli high yield. Secondo Western Asset, affiliata di Legg Mason, il settore ha attraversato il terzo trimestre peggiore degli ultimi tre anni, poiché gli investitori hanno preferito concentrare i propri risparmi nei treasury Usa ed altri titoli governativi. Come conseguenza, questa manovra di sell-off ha implicato un rimbalzo degli spread del segmento high yield statunitense, rispetto ai Treasury, da circa 340bp nel mese di giugno fino a 500bp in settembre. Michael Buchanan, head of global credit presso Western Asset, ritiene che un movimento così significativo in un lasso temporale così ridotto abbia reso l’area dei titoli high yield una delle più interessanti nell’attuale panorama obbligazionario. Ecco qui di seguito le cinque motivazioni che, secondo Buchanan, dovrebbero indurre gli investitori a considerare con interesse questa asset class:
 
1.    Rendimenti superiori al 6%
“In un contesto in cui i tassi d’interesse si attestano complessivamente su livelli molto bassi, i rendimenti intorno al 6%, o più elevati, offerti da alcuni titoli obbligazionari high yield hanno catturato l’attenzione degli investitori. A nostro avviso, in questo momento gli spread sono molto allettanti; se a ciò si aggiungono i rendimenti elevati e le cedole offerte dai titoli high yield, siamo di fronte ad un asset class che può veramente offrire forti opportunità, interessanti rispetto ad altre dell’universo fixed income”.
 
2.    Il contesto, a livello di politiche monetarie, rimane accomodante
“Anche se ci si aspetta che la Federal Reserve interverrà al rialzo dei tassi, presto o tardi, noi riteniamo che questi eventuali aumenti saranno quasi certamente marginali, ossia che il quadro monetario rimarrà sostanzialmente accomodante. Abbiamo goduto in questi anni di un enorme supporto da parte della Fed, che intende ora procedere con grande cautela ed infatti, a nostro avviso, la Fed continuerà a svolgere un ruolo importante a sostegno dell’economia, pur abbandonando la recente linea estremamente accomodante. Questo fattore rappresenta sicuramente un elemento positivo per gli investitori, poiché quando il movimento dei tassi non rappresenta una grande minaccia, l’obbligazionario in generale ed il settore del credito in particolare ne traggono sicuramente beneficio”.
 
3.    Rischi di default ancora molto contenuti
“I rischi di default nel segmento high yield rimangono vicini ai minimi storici, proseguendo con un trend iniziato nel 2010. Nonostante un lieve rialzo rispetto al 2013, a nostro avviso il tasso d’insolvenza continuerà probabilmente a mantenersi sugli attuali livelli molto bassi o comunque varierà di poco, visto l’orientamento delle Banche Centrali”.
 
4.    I recenti sell-off hanno allontanato i timori legati alla possibilità del manifestarsi di una bolla
“Conosco le caratteristiche di una bolla nel segmento high-yield ed il mercato attualmente non presenta i sintomi di nessuna di queste . Gli investitori devono quindi confrontare i rendimenti di questa asset class con quelli di altri prodotti obbligazionari ed a seguito della recente ondata di vendite, questi spread sono favorevoli”.
 
5.    I fondamentali sono solidi

“Nonostante siano leggermente peggiorati negli ultimi anni, i fondamentali dei titoli high-yield statunitensi appaiono ancora alquanto solidi. Sia che si parli di interest rate coverage, di leva finanziaria, di rischio di default, di capacità di generare free cash flow, tutti questi elementi sono ampiamente a favore del segmento dei titoli high-yield e ciò non è affatto cambiato”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Classifiche Bluerating: Legg Mason in testa tra i fondi obbligazionari a ritorno assoluto

Classifiche Bluerating: Legg Mason in testa tra gli Obbligazionari Globali Inflation Linked

Classifiche Bluerating: Legg Mason in testa sugli Obbligazionari Asia Pacifico

Belshaw (Legg Mason): tutte le incognite del Brexit

Legg Mason cresce nei fondi immobiliari

Legg Mason completa l’acquisizione di Rare Infrastructure Limited

Legg Mason, al via il roadshow

Classifiche BLUERATING: Legg Mason primo tra i diversificati moderati

Fondi, Legg Mason cresce in Australia

Fondi, accordo di distribuzione Bpm-Legg Mason

Classifiche BLUERATING, Azimut e Legg Mason al top per Ritorno Assoluto

Classifiche BLUERATING: Pimco, Legg Mason e Amundi al top tra gli obbligazionari investment grade

Italiani ancora innamorati dei bond

Negri (Legg Mason): nuovi accordi con reti di pf

Legg Mason festeggia quota 2,7 miliardi per il suo fondo obbligazionario Western Macro Opportunities

Classifiche BLUERATING, Invesco e Franklin Templeton tra i migliori obbligazionari high yield

Fondi, Stephen Jobe lascia Morgan Stanley per Legg Mason

Fondi, Legg Mason completa l’acquisizione di Martin Currie

Promotori, il 2 ottobre ultima tappa per il roadshow di Legg Mason

Legg Mason si porta in testa al Blueindex

Legg Mason: le opportunità dei titoli biotecnologici

Fondi, Legg Mason rileva Martin Currie

Classifiche BLUERATING, Legg Mason tra i migliori absolute return ad alta volatilità

Negri (Legg Mason): grandi opportunità dai mercati emergenti

Classifiche Bluerating: Legg Mason in testa tra gli absolute return ad alta volatilità

Classifiche Bluerating, anche Legg Mason tra i migliori absolute return ad alta volatilità

Legg Mason: gli investitori italiani puntano sempre di più oltre i confini nazionali

Legg Mason Global Asset Management Top Funds aprile 2013

Legg Mason, agli italiani piace investire all’estero

Legg Mason: Joseph Sullivan è presidente e ceo

Legg Mason, il team italiano ha una risorsa in più

Legg Mason, 10 candeline per il fondo Western Asset Global Multi Strategy

Fondi, Legg Mason aggiunge le tipologie Euro Hedge agli azionari Usa

Ti può anche interessare

Amundi: sui mercati incombe la minaccia protezionistica

Le dichiarazioni di Trump stanno agitando i mercati perché se il protezionismo diventasse la regola ...

Vontobel AM rafforza la squadra obbligazionaria

Yann Lepape entra a far parte del team obbligazionario della società ...

Fondi, il best of di Vontobel

Vontobel Asset Management offre agli investitori un fondo “Best-of” nel reddito fisso dei mercat ...