Financière de l’Echiquier: nel 2015 dovremo lavorare di immaginazione e correre rischi

A
A
A
Avatar di Diana Bin 27 Gennaio 2015 | 10:44
Didier Le Menestrel, presidente di Financière de l’Echiquier, si interroga sull’andamento dei titoli governativ i tedeschi, dopo lo spettacolare apprezzamento del 12% segnato nel 2014.

CONFERME E SORPRESE – Il 2014 ha portato conferme e sorprese sui mercati finanziari: da un lato la ripresa degli Usa che corrono più dell’Europa, come da previsioni; dall’altro l’inatteso crollo del rublo, l’ascesa delle azioni quotate a Shanghai e lo spettacolare apprezzamento dei titoli governativi tedeschi, che hanno guadagnato il 12% in un anno. 

PROSPETTIVE 2015 – Ma i bund potranno comportarsi altrettanto bene nel 2015? Secondo Didier Le Menestrel, presidente di Financière de l’Echiquier, la risposta è “sì, un aumento delle obbligazioni tedesche spettacolare come quello registrato nel 2014 è ancora possibile nel 2015. Implicherà “semplicemente” tassi d’interesse a lungo termine negativi. Per arrivare a questa conclusione, Le Menestrel ragiona quale sarà – con un tasso di rendimento attuariale dei Titoli di Stato tedeschi pari allo 0,5% – il loro rendimento attuariale a fine 2015, se anche quest’anno guadagneranno il 12%.

IL RENDIMENTO FUTURO DEI BUND – La risposta, spiega il numero uno di Financière de l’Echiquier, “ varierà sicuramente a seconda del modello di valorizzazione utilizzato ma con una costante: la cifra sarà preceduta dal segno ‘meno’. Se le obbligazioni tedesche si apprezzeranno come nel 2014, il loro rendimento attuariale sarà circa -0,7%. Un risultato assurdo: chi vorrà investire denaro a 10 anni per ottenere un rendimento negativo? Traiamo la logica conclusione che le obbligazioni raggiungeranno, nella migliore delle ipotesi, la quotazione corrispondente a un tasso di rendimento reale pari a zero. Un simile ragionamento porta a un risultato più accettabile, con un aumento possibile dei decennali tedeschi per il 2015 del 5% massimo”. “La soddisfazione intellettuale rappresentata da questo dato è di breve respiro: studiando la curva dei tassi nel suo insieme constatiamo oggi che i tassi tedeschi sono già negativi fino a 5 anni. L’investimento negativo a lungo/medio termine è forse un’assurdità, eppure è ampiamente diffuso nella realtà”.

ALTRE IDEE DI INVESTIMENTO PER IL 2015 – Le Menestrel rassicura però gli investitori: “abbiamo altre idee di investimento per il 2015 rispetto all’acquisto dei governativi tedeschi! Non andremo a rincorrere l’eventuale posizionamento dei decennali in territorio negativo. Tuttavia lo scenario dei tassi a livello ‘quasi zero’ in Europa è una realtà ben radicata nella mente degli investitori. Per battere questa strategia passiva nel 2015 dovremo dar prova di più immaginazione e probabilmente correre maggiori rischi. Questa realtà passerà anche attraverso la ricerca di business a forte generazione di liquidità… e soprattutto l’accettazione di una maggiore volatilità, contropartita ineluttabile di una remunerazione potenziale significativamente positiva”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Financière de l’Echiquier sbarcherà su un nuovo mercato europeo

Craquelin (Financière de l’Echiquier): azioni europee verso un recupero tattico

Financière de l’Echiquier nomina un direttore markenting che arriva da Axa

NEWSLETTER
Iscriviti
X