Col nuovo anno Amundi cavalca il rimbalzo dei “bric”

A
A
A
di Luca Spoldi 3 Febbraio 2015 | 15:37
Gli alti e bassi segnati da Amundi Eureka Bric 2017 negli ultimi 4 anni testimoniano la volatilità dei mercati emergenti. Da gennaio il trend pare essere tornato positivo, durerà?

SEGNALI DI RISVEGLIO PER I “BRIC”? – Amundi Eureka Bric 2017, fondo mobiliare aperto di diritto italiano denominato in euro gestito da Amundi Sgr, accelera il passo e nella settimana tra il 20 e il 27 gennaio mette a segno un rimbalzo del 3,56% che porta il fondo, a fine 2014 forte di un patrimonio di poco meno di 50 milioni di euro,  a toccare nuovi massimi, con una performance da inizio anno salita al +7,89% a fronte di un guadagno sugli ultimi 12 mesi del 14,01%.

QUATTRO ANNI TRA ALTI E BASSI – Un risultato più che positivo se si considera l’andamento finora abbastanza erratico del prodotto, che nel 2012 ha perso il 9,84%, per poi registrare un incremento del 9,03% l’anno successivo, una nuova perdita (-3,38%) l’anno passato e appunto un inizio decisamente positivo del 2015. Un’alternanza di risultati che fa male al confronto con altri prodotti di categoria, tanto che il fondo in questione resta nel quarto quartile per le performance da uno a quattro anni. Ma il cambio di passo segnato in gennaio fa ben sperare i sottoscrittori, “Bric” permettendo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Amundi, Lyxor è tua

Mercati: la crescita cinese si stabilizzerà nel 2022

Asset allocation: ecco le strategie di Amundi per il 2022

NEWSLETTER
Iscriviti
X