Iggo (Axa IM): le incognite dell’obbligazionario

A
A
A
di Redazione 18 Febbraio 2015 | 13:24
Ne parla Chris Iggo, responsabile obbligazionario Europa e Asia presso Axa Investment Managers, nella newsletter settimanale.

L’APPROCCIO DI AXA IM – “Il quantitative easing ha fatto calare i premi per il rischio a termine su diverse curve dei tassi di interesse governativi. Di conseguenza, per continuare a investire in titoli di Stato di lungo termine bisogna essere costretti, oppure dovete essere proprio convinti che i tassi di interesse non saliranno granché per un po’ di tempo. Se siete tra coloro che non credono a una stagnazione prolungata, e nemmeno che i tassi resteranno ‘più bassi più a lungo’, allora sarete d’accordo con l’approccio di ‘yield give-up’ anziché di ‘yield pick-up’, suggerito dal mio collega Nick Hayes“. È quanto sostiene Chris Iggo, responsabile obbligazionario Europa e Asia presso Axa Investment Managers, nella newsletter settimanale.

RIALZO DEI TASSI IN VISTA?
– “In sostanza, rinunciate alla ricerca dei rendimenti, prevedendo una risalita dei tassi d’interesse e una performance negativa delle obbligazioni governative. Ciò significa che il mercato monetario potrebbe risultare più interessante di quello dei titoli di Stato. Naturalmente tutto dipende dalle tempistiche con cui i tassi d’interesse saliranno, nonché dalla portata del rialzo. Se diamo credito alle dichiarazioni dei rappresentanti della Federal Reserve, possiamo dedurre che stanno preparando il mercato a un rialzo dei tassi verso metà anno. Su Twitter potrebbe diventare quindi più popolare l’hashtag ‘1994 redux’, di chi si aspetta dinamiche simili al 1994, rispetto all’hashtag ‘lower for longer’, di chi prevede tassi più bassi più a lungo. Nel frattempo, se giungeranno buone notizie dall’Ucraina e dalla Grecia e i dati economici saranno positivi, allora il segmento high yield, unitamente alle azioni, dovrebbe continuare a ottenere i risultati più brillanti”, conclude Iggo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, da Lombard Odier un nuovo comparto in partnership con Axa IM

Nuove nomine in Axa Italia

Generali, la compagnia del green

NEWSLETTER
Iscriviti
X