Iggo (Axa IM): le incognite dell’obbligazionario

A
A
A
Avatar di Redazione 18 Febbraio 2015 | 13:24
Ne parla Chris Iggo, responsabile obbligazionario Europa e Asia presso Axa Investment Managers, nella newsletter settimanale.

L’APPROCCIO DI AXA IM – “Il quantitative easing ha fatto calare i premi per il rischio a termine su diverse curve dei tassi di interesse governativi. Di conseguenza, per continuare a investire in titoli di Stato di lungo termine bisogna essere costretti, oppure dovete essere proprio convinti che i tassi di interesse non saliranno granché per un po’ di tempo. Se siete tra coloro che non credono a una stagnazione prolungata, e nemmeno che i tassi resteranno ‘più bassi più a lungo’, allora sarete d’accordo con l’approccio di ‘yield give-up’ anziché di ‘yield pick-up’, suggerito dal mio collega Nick Hayes“. È quanto sostiene Chris Iggo, responsabile obbligazionario Europa e Asia presso Axa Investment Managers, nella newsletter settimanale.

RIALZO DEI TASSI IN VISTA?
– “In sostanza, rinunciate alla ricerca dei rendimenti, prevedendo una risalita dei tassi d’interesse e una performance negativa delle obbligazioni governative. Ciò significa che il mercato monetario potrebbe risultare più interessante di quello dei titoli di Stato. Naturalmente tutto dipende dalle tempistiche con cui i tassi d’interesse saliranno, nonché dalla portata del rialzo. Se diamo credito alle dichiarazioni dei rappresentanti della Federal Reserve, possiamo dedurre che stanno preparando il mercato a un rialzo dei tassi verso metà anno. Su Twitter potrebbe diventare quindi più popolare l’hashtag ‘1994 redux’, di chi si aspetta dinamiche simili al 1994, rispetto all’hashtag ‘lower for longer’, di chi prevede tassi più bassi più a lungo. Nel frattempo, se giungeranno buone notizie dall’Ucraina e dalla Grecia e i dati economici saranno positivi, allora il segmento high yield, unitamente alle azioni, dovrebbe continuare a ottenere i risultati più brillanti”, conclude Iggo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Axa vola nel Nord America

AXA investe a Milano, nuova partnership con Fintech District

Axa Partners e Amex insieme per Blue Protection

Mps-Axa, ecco la fusion tra unit linked e gestione separata

Axa Italia, assistenza ad alta tecnologia

Axa, assicurati e premiati

Axa, mega acquisizione nel ramo danni

Axa Italia, la compagnia assicurativa più innovativa dell’anno

Axa: boom delle Unit Linked e l’utile sorride

Axa, partnership con Coursera per la formazione

Le polizze di Genertel nella rete di Creval

Axa primo brand assicurativo al mondo

Corsa per accaparrarsi il wm di Axa a Hong Kong

L’ex ceo di Axa sceglie General Atlantic

Axa Italia strappa D’Abbondanza a Cordusio Sim

L’Insurtech è realtà: Neosurance realizzerà con Axa Italia la prima instant insurance al mondo

AXA Italia lancia la startup interna #AXAInnovationHub

Axa resta in Mps

Ping An, Allianz e Axa: i tre big mondiali dell’assicurazione giocano a tutto campo

Axa quoterà le attività statunitensi per rafforzarsi nel core business

Blueindex: bene Axa e Bnp Paribas, le parole di Trump frenano Wall Street

Classifiche Bluerating: AXA Interlife testa tra i fondi della categoria Monetari Euro

Generali, Leonardi alla guida del business in Asia

Axa lancia l’app My Axa

Axa: niente scalata a Generali

Le grandi manovre su Generali

Generali e Mediobanca in luce a Piazza Affari

Axa lancia la nuova parental policy

Blueindex: Axa e Old Mutual staccano tutti

Axa Italia, Cohen nominato a.d.

Axa in ritirata dal Regno Unito

Best Global Brand, Axa primo marchio assicurativo

Blueindex: Axa brilla, tra gli italiani bene solo Banca Generali

NEWSLETTER
Iscriviti
X