Fondi europei, Lussemburgo e Irlanda primi per raccolta nel 2014

A
A
A

Secondo gli ultimi dati diffusi dalla European Fund and Asset Management Association (Efama), i fondi Ucits hanno messo a segno raccolta netta e patrimonio record.

Avatar di Diana Bin4 marzo 2015 | 10:37

IL SETTORE – Raccolta e patrimonio record nel 2014 per i fondi di investimento a livello europeo. Secondo gli ultimi dati diffusi dalla European Fund and Asset Management Association (Efama), gli afflussi netti complessivi –fondi Ucits e non Ucits -  si sono attestati a 634 miliardi di euro, mentre gli asset totali hanno messo a segno una crescita del 16% rompendo la soglia degli 11mila miliardi di euro. Questo risultato, raggiunto nonostante una crescita lenta, minacce deflazionistiche e tensioni geopolitiche nel Vecchio Continente, può essere spiegato da diversi fattori, evidenzia Efama: la ricerca di rendimenti in un contesto di tassi di interesse bassi, l’attrattività dei fondi di investimento in termini di protezione, la varietà di strategie e profili di rischio disponibili nel settore e le mosse messe in campo dalla Bce per incentivare la crescita.

FONDI UCITS – Nel dettaglio, i fondi armonizzati alla normativa Ucits hanno raccolto 472 miliardi di euro nel 2014, portando gli asset totali a 7.979 miliardi di euro (+16,3% su anno). All’interno di questa categoria si evidenzia il buon andamento dei fondi obbligazionari, con sottoscrizioni per 191 miliardi di euro. Seguono i fondi bilanciati con 187 miliardi e i fondi azionari con 61 miliardi. I fondi monetari hanno chiuso il 2014 con riscatti per 5 miliardi di euro, in miglioramento dal rosso di 85 miliardi registrato nel 2013.

LA CLASSIFICA PAESE PER PAESE – A livello di domiciliazione geografica dei fondi Ucits, la medaglia d’oro per raccolta 2014 va al Lussemburgo con oltre 228 miliardi di euro, seguito dall’Irlanda con 112 miliardi e dalla Spagna con 36 miliardi. L’Italia si posiziona subito giù dal podio con 33 miliardi di euro, mentre a chiudere la top 5 è il Regno Unito con 22 miliardi. A distinguersi in negativo è stata invece la Francia, che tra gennaio e dicembre ha registrato 22 miliardi di deflussi dai suoi fondi armonizzati alla normativa Ucits. Male anche l’Olanda (-4,1 miliardi) e il Liechtenstein (-1,3 miliardi).

GLI ASSET – Per quanto riguarda invece la suddivisione degli asset tra i diversi Paesi del Vecchio Continente, la fetta più consistente risulta in mano al Lussemburgo, che con 2.642 miliardi di euro detiene circa il 33% del patrimonio complessivo del settore. Seguono l’Irlanda con 1.274 miliardi, pari al 16% del totale, la Francia con 1.146 miliardi (14,4%), e il Regno Unito con 995 miliardi (12,5%). Sotto il 10% le quote detenute da Svizzera, quinta con 336 miliardi (4,2%), Germania, sesta con 296 miliardi (3,7%), Svezia, settima con 249 miliardi (3,1%) e Spagna, ottava con 226 miliardi (2,8%). L’Italia si colloca al nono posto con 196 miliardi (pari al 2,5% del totale), subito davanti al Belgio che chiude la top ten con 104 miliardi (circa l’1,3% del patrimonio complessivo).

FONDI NON ARMONIZZATI
– Quanto infine ai fondi non armonizzati alla normativa Ucits, la raccolta netta annuale si è attestata a 162 miliardi, portando gli asset a 3.362 miliardi (+14,3%). Considerando il patrimonio del settore a livello aggregato – Ucits e non Ucits – la quota più alta resta domiciliata in Lussemburgo (3.094 miliardi, pari al 27% del totale). Seguono Irlanda (14,6%), Francia (14%) e Germania (13,9%).


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, scontro Efama-CE sulla distribuzione

Fondi, 2017 da urlo per l’Europa

Efama, i fondi europei rialzano la testa

Fondi globali, gli asset salgono a 37.800 miliardi

Fondi europei, frena la raccolta in equity e bond

Fondi europei, la raccolta balza a 87 miliardi a febbraio

Fondi europei, il 2014 si chiude in crescita nonostante la frenata di dicembre

Efama, i fondi europei perdono quota a novembre

Efama, i fondi Ucits europei portano a casa 449 miliardi in dieci mesi

Fondi, Efama plaude all’accordo sui fondi europei a lungo termine

Efama, Gabriela Diezhandino a capo del nuovo dipartimento di Public Policy

Fondi, Efama: a maggio brillano bond e bilanciati

Efama, i fondi europei sfiorano il raddoppio della raccolta in aprile

Fondi, Dargnat: ecco le sfide di Efama per i prossimi anni

Promotori, quell’educazione finanziaria che manca

Efama, a febbraio brillano i fondi obbligazionari

Efama, inizio d’anno da record per i fondi europei

Raccolta, Efama: i fondi a lungo termine sono al top dal 2008

Stabile a novembre la raccolta dei fondi Ucits, gli azionari rialzano la testa

Efama, i fondi vanno meno a fondo nel terzo trimestre 2012

Efama, i bond spingono verso l’alto la raccolta di ottobre

Efama, i fondi a lungo termine sostengono la raccolta trimestrale

Efama, il settore europeo dei fondi a settembre va a… fondo

Fondi Ue, la Bce fa bene alla raccolta di agosto

Efama, fondi mondiali: giù la raccolta nel secondo trimestre

Un primo trimestre sotto il segno dei bond per i fondi globali

Efama, afflussi record a marzo per i fondi Ucits

Efama, un trimestre nero per i fondi Ucits

Efama, non si fermano i deflussi dal risparmio gestito europeo

Efama, i fondi mondiali resistono nonostante l’Europa

Efama, il presidente Kremer illustra la nuova strategia

Efama, frena la raccolta di fondi Ucits nel secondo trimestre

Efama, asset in fondi globali in calo nel primo trimestre

Ti può anche interessare

Fondi d’investimento, top e flop del 21/02/2019

La rubrica del risparmio gestito ...

Gestori in vetrina – Schroders

Gli asset manager si confrontano con il 2019 e con i temi forti del mercato. Intervista a Luca Tenan ...

Generali e Poste Vita nel business dei centri commerciali

Un affare da 300 milioni di euro per Generali e Poste Vita, che si alleano per investire nel futuro ...