Fondi, il mercato ha un nuovo player in Italia: la francese Tobam

A
A
A
di Diana Bin 23 Marzo 2015 | 09:30
L’asset manager con sede a Parigi ha reso disponibili sette strategie della sua sicav agli investitori istituzionali e retail italiani.

DEBUTTO IN ITALIA PER TOBAM – La francese Tobam porta i suoi fondi in Italia e in altri cinque Paesi europei: Spagna, Svizzera, Finlandia, Paesi Bassi e Belgio. Secondo quanto risulta a BLUERATING, la società di gestione con sede a Parigi ha reso accessibili sette strategie della sua sicav – tra cui i fondi flagship Anti-Benchmark All Countries World (“ACWI”), Emerging Markets, US and World Equity – agli investitori istituzionali e retail italiani, mentre per quanto riguarda gli altri cinque Paesi, dove la società già serviva gli istituzionali, la novità riguarda solo la clientela retail.

LA PRESENZA IN EUROPA – Fino ad ora la società non serviva clientela in Italia, ma ha molti prospects nel Paese, dal momento che lavora a stretto contatto con il gruppo Amundi, tra i suoi azionisti. Oltre che in Francia, Tobam colloca già i suoi fondi di investimento alla clientela retail nel Regno Unito, in Germania e in Austria.

8 MILIARDI DI DOLLARI DI ASSET – La società tra i pionieri delle soluzioni smart beta, che il mese scorso ha raggiunto la soglia di 8 miliardi di dollari di asset in gestione, utilizza la strategia brevettata Anti-Benchmark, fondata da Yves Choueifaty, che punta a massimizzare la diversificazione evitando al contempo la concentrazione del rischio.

LA STRATEGIA – “La nostra strategia era inizialmente quella di attrarre i maggiori investitori istituzionali da tutto il mondo per guadagnare un elevato livello di credibilità e dimostrare che il nostro approccio aveva successo”, ha spiegato a BLUERATING Christophe Roehri, managing director di Tobam. “Ora che abbiamo raggiunto quasi 9 miliardi di asset under management e che tre dei nostril fondi hanno un track record di oltre tre anni, abbiamo deciso di fare un passo in più e proporre il nostro approccio a una base di clientele più orientata al retail. L’Italia è uno dei maggiori mercati dell’Europa continentale  ed è in crescita, per cui aveva senso per noi esplorare questo mercato”. Per ora comunque, ha proseguito Roehri, “non apriremo un ufficio in Italia, ma continueremo a seguire l’area da Parigi con l’aiuto di Amundi, che beneficia di una forte presenza nel Paese, grazie a un accordo di distribuzione non esclusivo”. Ad oggi Tobam ha una sede a Parigi e una a New York.

PROSPETTIVE PER L’ITALIA
– Quanto infine alle prospettive per il mercato italiano, il manager ha spiegato di vedere ottime opportunità nel Paese, soprattutto dal lato distribuzione. “Registrando i nostri fondi flagship in Italia evidenziamo non solo il nostro impegno su questo mercato, ma anche la convinzione che il nostro approccio anti-benchmark può avere senso anche per gli investitori del Belpaese”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

NEWSLETTER
Iscriviti
X