Consultinvest, oggi più che mai conviene affidarsi a un professionista

A
A
A
di Redazione 6 Maggio 2015 | 07:51
Gli esperti della società guidata da Maurizio Vitolo evidenziano i vantaggi della migrazione dall’amministrato al gestito.

LO SCENARIO – “Nell’attuale contesto dei mercati finanziari, ci troviamo di fronte a una combinazione di fattori che rende difficile ai risparmiatori fare scelte di investimento razionali e oculate”, osservano gli esperti di Consultinvest. “I mercati azionari hanno registrato performance sostenute negli ultimi anni: non è detto che ora l’equity sia destinato a un’inversione di trend, ma è ragionevole attendersi mercati più difficili da gestire dove la selettività dei titoli, dei settori e delle aree geografiche su cui investire rappresenteranno il fulcro centrale nei prossimi mesi”. Sul fronte obbligazionario invece, “osserviamo una situazione pressoché unica nella storia dell’economica occidentale, dove, a fronte di impieghi, i creditori hanno un segno ‘meno’ sul risultato finale. Molti governativi Europa presentano paradossalmente interessi negativi per gli investitori, e se a questo si aggiungono i costi di transazione per il risparmiatore retail, diventa chiaro che a fronte di obbligazioni sottoscritte si registra una perdita e non un ricavo per chi presta denaro”.

INVESTITORI PIU’ CONSAPEVOLI
– In questo scenario, continuano i gestori di Consultinvest, “rileviamo che si è diffusa una sorta di consapevolezza generalizzata: non vi è più quell’asimmetria informativa sulla percezione dei rendimenti attesi da parte dei risparmiatori per cui ognuno è consapevole che i rendimenti sull’obbligazionario sono irrazionali (e non vale la pena impegnarsi a 10-15 anni per scontare al massimo un 1% lordo)”. Ma non solo. “Sta emergendo anche un’ulteriore tendenza: quella di affidarsi ancora di più al risparmio gestito, preferendo fondi di investimento flessibili e gestioni patrimoniali, in cui la delega assume un ruolo centrale”.

L’IMPORTANZA DELLA DELEGA – La storia insegna che, proprio nei momenti caratterizzati da bassi rendimenti, è facile per il risparmiatore commettere errori ‘fatali’ assumendo rischi eccessivi pur di rincorrere qualche decimale in più di rendimento (come accaduto nei casi Parmalat, Cirio e Argentina..). Vi è senza dubbio una resistenza psicologica a disfarsi dei titoli con forti minusvalenza e tale atteggiamento porta ad amplificare sempre più nel tempo le inefficienze dei portafogli. Di fronte a tale situazione generalizzata, il consiglio di Consultinvest è quello di “non vendere tali asset direttamente, ma trasferirli e conferirli in una gestione patrimoniale personalizzata, lasciando al gestore il compito di riassetto e ottimizzazione del rapporto rischio/rendimento”.

DALL’AMMINISTRATO AL GESTITO – “La migrazione dall’amministrato al gestito permette di avvantaggiarsi di strategie ad elevata diversificazione dove il rischio emittente/controparte viene diluito notevolmente, fino a diventare un residuo marginale. Inoltre, attraverso una gestione affidata a professionisti del settore, è sicuramente più facile trarre vantaggio da un approccio flessibile e multi asset, in grado di dare valore aggiunto al risparmio allocato, soprattutto in un momento come quello attuale”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti