NN IP, il tempo della Grecia sta per scadere

A
A
A

Willem Verhagen, senior economist di NN Investment Partners, afferma: “il default sembra inevitabile se non si raggiungerà un accordo con l’Fmi prima della fine di giugno”.

Avatar di Diana Bin19 giugno 2015 | 11:48

IL PUNTO DI ROTTURA E’ VICINO – La crisi greca sta arrivando a una sorta di punto di rottura ed è ormai quasi senza liquidità. Quindi, se non si raggiungerà un accordo per quanto riguarda i rimanenti 7 miliardi di euro dell’attuale programma di rimborso, è molto probabile che la Grecia non riuscirà a onorare i pagamenti al Fmi. Ne è convinto Willem Verhagen, senior economist di NN Investment Partners, secondo cui “il momento in cui il saldo di cassa greco si avvicinerà allo zero è imminente. Il governo greco non ha più a disposizione misure ortodosse per riempire le casse statali. Il default sembra inevitabile se non si raggiungerà un accordo con l’Fmi prima della fine di giugno”.

ULTIMATUM ALLA GRECIA – Il “gruppo di Bruxelles” (in precedenza Troika) ha presentato un ultimatum alla Grecia: se la Grecia continuerà a rifiutare l’accordo, la Bce non avrà altra scelta se non di sospendere il finanziamento degli istituti di credito ellenici. Questo, osserva Verhagen, “farebbe scattare un controllo dei capitali e ci porterebbe più vicini alla Grexit. Tuttavia, se si raggiungerà un accordo tecnico (staff level agreement) la Bce dovrebbe essere disposta a coprire il periodo fino al rilascio dei fondi per mezzo di un ampliamento della concessione di liquidità di emergenza (ELA), regole meno rigide per il collaterale o attraverso un incremento del margine per i finanziamenti con titoli di stato”.

VOLATILITA’ IN AUMENTO – Il presidente della Bce Mario Draghi richiede un “accordo forte” (a indicare un impegno chiaro da parte della Grecia) prima di concedere un sostegno finanziario illimitato che possa assorbire i titoli di stato greci. In caso di default della Grecia comunque il rischio di contagio delle altre economie periferiche non rappresenta una preoccupazione reale, secondo quanto dicono i governi dei paesi core. “Un certo aumento della volatilità però è ancora possibile se il dramma greco peggiorerà ulteriormente (tuttavia, è improbabile che si raggiungano i livelli visti nel 2010–‐2012)”, continua l’esperto. “NN Investment Partners, nell’intento di proteggere i propri portafogli dai rischi legati alla Grecia, mantiene un leggero sovrappeso sui bond sovrani periferici dell’eurozona”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Gestori in vetrina – NN Investment Partners

NN IP, il First Class Multi Asset Fund supera il miliardo in gestione

Il più grande fondo sui green bond a livello globale è targato NN IP

Obbligazioni convertibili, un mondo da scoprire

NN Investment Partners si rafforza con Babb

Nuovo fondo sugli Emergenti per NN Investment Partners

NN IP: emergenti, nel 2018 ancora buone prospettive di crescita, ma c’è l’incognita Fed

NN IP: economia globale in crescita, ma persistono venti contrari

Azionario USA, rally o bolla di mercato?

NN Investment Partners: Francia, i rischi di una presidenza Le Pen

NN IP, al via la partnership con South Pole Group

NN Investment Partners: il voto olandese non spaventa i mercati

Classifiche Bluerating: NN Investment Partners in testa tra i fondi obbligazionari area euro-governativi

Tre ingressi Sri per NN Investment Partners

Classifiche Bluerating: Nordea in testa tra i fondi obbligazionari Usa-corporate

Huntjens (NN IP): “India e Indonesia eclissano la Cina”

NN Investment Partners: trimestrali, ecco perché gli Usa battono l’Eurozona

I fondi di NN Ip saranno distribuiti dalla struttura private di Bpm

Classifiche Bluerating: Nn Ip in testa nella categoria obbligazionari area euro inflation linked

NN Investment Partners si rafforza con Lewis Jones

NN Investment Partners, Claudia Corso a capo del marketing

NN Investment Partners, i mercati emergenti verso una nuova ripresa

L’high yield europeo offre ottimi rendimenti

Moonen (NN Investment Partners): “I mercati Usa meglio dell’Europa”

NN Investment Partners, il rialzo della Fed potrebbe arrivare a luglio

NN Investment Partners, torna la fiducia sul debito degli Emergenti

NN IP, il reddito fisso è ancora un’opportunità. Ecco perché

NN Investment Partners si rafforza con Michela Molinaro

Gli istituzionali puntano sui fondi multi-asset alla ricerca di rendimento

NN Investment Partners, 5 Paesi emergenti molto vulnerabili

NN Investment Partners: tragedia greca, in che atto siamo?

Morgan Stanley Investment Management annuncia due nuovi ingressi

Da ING IM a NN Investment Partners, cambia il brand

Ti può anche interessare

Generali valuta acquisti in Europa

Generali sotto i riflettori: dopo che il management aveva ventilato la possibilità di effettuare a ...

Anima, il recupero dei mercati traina la raccolta

Il gruppo Anima ha diffuso i dati relativi al mese di gennaio ...

Polizze, quanta distanza tra Europa e Regno Unito

Molte le differenze tra la legislazione britannica e quella del Vecchio Continente. ...