Amundi: quasi scongiurata la Grexit, restiamo prudenti ma flessibili

A
A
A
di Diana Bin 14 Luglio 2015 | 14:51
Ecco la view a cura di Philippe Ithurbide, global head of research,strategy and analysis di Amundi

LA RICETTA DEL SALVATAGGIO – Riformare il sistema pensionistico e il mercato del lavoro, privatizzare la società elettrica a rafforzare il settore finanziario eliminando ogni possibile interferenza politica. È questa la ricetta dei creditori per il terzo salvataggio della Grecia, in base all’accordo raggiunto lunedì, che deve ancora passare al vaglio del parlamento ellenico. Non solo: Atene dovrà sviluppare un programma di privatizzazione su larga scala e modernizzare l’amministrazione.

LA GREXIT NON È PIU’ UN’IPOTESI PROBABILE – A questo punto, spiega Philippe Ithurbide, global head of research,strategy and analysis di Amundi, la palla è nel campo del governo greco, che ha  per ottenere un’approvazione definitiva del Parlamento circa le nuove richieste dell’Eurogruppo. La Grexit non è più considerata dunque uno scenario possibile (a meno che il Parlamento greco respinga l’accordo, ipotesi ritenuta poco probabile. Per gli analisti è invece “forse inevitabile una riorganizzazione del governo, al fine di formarne uno di maggiore unità nazionale”.

PRUDENTI MA FLESSIBILI – “Considerando le perduranti incertezze che ruotano intorno alla questione greca, ma anche altri temi caldi, i nostri portafogli rimangono prudenti, ma allo steso tempo flessibili”, spiega Amundi. “Le coperture – in particolare liquidità e assimilabili – messe insieme nel corso delle settimane precedenti, saranno mantenute in maniera tale da avere spazio per eventuali manovre.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Amundi, outlook 2022: futuro green

Fondi: Amundi lancia con Cpr AM un nuovo comparto sull’idrogeno

Top 10 Bluerating: Amundi, l’Africa è tua

NEWSLETTER
Iscriviti
X