Zverev (Sli): cauto ottimismo sull’azionario globale

A
A
A
di Maria Paulucci 2 Settembre 2015 | 07:54
A dirlo è Mikhail Zverev, responsabile azionario globale presso Standard Life Investments, che spiega le ragioni alla base della sua conclusione a BLUERATING.
CAUTO OTTIMISMO SULL’AZIONARIO GLOBALE – “Rimaniamo cautamente ottimisti sulle prospettive dell’azionario globale”. A dirlo è Mikhail Zverev, responsabile azionario globale presso Standard Life Investments, che spiega le ragioni alla base della sua conclusione rispondendo a una domanda di BLUERATING circa la sua view sull’ultimo trimestre dell’anno. “Bilanci e flussi di cassa delle imprese sono forti e guidano dividendi e buy-back. Le economie di Regno Unito e Stati Uniti sono in crescita. La ripresa europea è fragile, ma la Banca centrale europea si sta impegnando a fornire supporto. L’esperimento economico giapponese ha un certo successo e, mentre l’economia cinese rallenta, diventa cruciale la capacità del governo di Pechino di gestire il rallentamento”.
 
I FONDAMENTALI DELLE SOCIETA’ – “Continuiamo a concentrarci sui fondamentali delle società, alla ricerca di un cambiamento positivo non ancora prezzato dal mercato. In questo senso sono molte le opportunità presso le quali identifichiamo questo cambiamento: la crescita dell’Internet mobile e della pubblicità video online, la razionalizzazione nel settore del trasporto aereo, il miglioramento del contesto competitivo e normativo delle telecom europee, le riforme strutturali nel settore bancario italiano, la crescente competitività dei produttori industriali e automobilistici cinesi e le riforme strutturali nel settore healthcare degli Stati Uniti. Opportunità legate a titoli azionari specifici derivanti da tale cambiamento saranno i più potenti fattori di ritorni di investimento azionario”, conclude il manager.

L’ultimo trimestre dell’anno tra rischi e opportunità: le analisi dei gestori sul numero di settembre di BLUERATING.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

State attenti alle banche centrali

Global Horizons: come prevedere la prossima recessione?

Banche Centrali: fine dell’emergenza, non fine del ciclo

NEWSLETTER
Iscriviti
X