Efama, i fondi europei rialzano la testa

A
A
A
di Diana Bin 21 Settembre 2015 | 10:15
Torna in positivo nel mese di luglio la raccolta netta realizzata dai fondi europei armonizzati alla normative Ucits: 63 miliardi contro i -17 miliardi di giugno.

RITORNA IL SEGNO PIU’ – Torna in positivo nel mese di luglio la raccolta netta realizzata dai fondi europei armonizzati alla normative Ucits. Dopo il rosso per 17 miliardi registrato a giugno, le rilevazioni della European Fund and Asset Management Association – che comprende 27 associazioni nazionali – mostrano un saldo positivo per 63 miliardi nel settimo mese del 2015. Merito della ripresa dei fondi monetari, che hanno chiuso il period con afflussi per 24 miliardi dopo i -35 miliardi di giugno, ma anche del buon andamento dei fondi azionari e obbligazionari, con una raccolta pari rispettivamente a 12,5 e 4,2 miliardi, e dei bilanciati, che hanno portato a casa 17,8 miliardi dai 15 miliardi di giugno. 

IL COMMENTO – “Il rimbalzo delle vendite di fondi Ucits a lungo termine segnala chiaramente un aumento della fiducia degli investitori all’inizio dell’estate, ha commentato Bernard Delbecque, director for economics and research di Efama.

ASSET – Gli asset in mano ai fondi Ucits si attestavano a fine luglio a 9.070 miliardi di euro, +1,8% mese su mese, mentre il patrimonio dei non Ucits è salito dello 0,8% a 3.594 miliardi. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, scontro Efama-CE sulla distribuzione

Fondi, 2017 da urlo per l’Europa

Fondi globali, gli asset salgono a 37.800 miliardi

NEWSLETTER
Iscriviti
X