NN IP: vento in poppa per gli emergenti

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 23 Agosto 2017 | 15:45
I mercati emergenti, in particolare, sono stati colpiti duramente dalle fughe di capitali e da brusche svalutazioni delle valute.

SFIDA CINESE – Negli scorsi anni, la Cina ha rappresentato la più grande sfida per i mercati emergenti, con un accentuato rallentamento della crescita, la fuga di capitali e un rapporto/debito PIL in crescita, spiega Maarten-Jan Bakkum, senior strategist Emerging Markets di NN Investment Partners. Nel 2015 e nel 2016, la paura di una potenziale crisi sistemica in Cina ha raggiunto livelli così elevati che è arrivata a influenzare i mercati a livello globale. I mercati emergenti, in particolare, sono stati colpiti duramente dalle fughe di capitali e da brusche svalutazioni delle valute. Da allora, le autorità di Pechino sono riuscite ad attenuare i timori maggiori. La Cina ha introdotto estesi controlli per limitare la fuoriuscita di capitali,  mettendo in atto misure di stimolo per contenere  il rallentamento della crescita della propria economia. A giocare il ruolo principale  nel ricostruire la fiducia è stato soprattutto  il miglioramento nel mercato immobiliare. Sin dalla fine del 2016, ha certamente aiutato anche una regolazione più stringente per quanto riguarda lo shadow banking, che è responsabile di buona parte della crescita del credito negli ultimi anni. In generale, la percezione degli investitori circa  il rischio sistemico cinese è migliorato significativamente. Questo si riflette chiaramente negli spread dei CDS cinesi, che sono crollati bruscamente a partire da febbraio 2016 e sono tornati ai livelli minimi pre-2014. Ciò nonostante, ci sono ancora molti dubbi riguardanti la sostenibilità del modello di crescita cinese fondato sul debito. Ma aldilà di questo, fino a quando il rischio cinese resterà escluso, i mercati emergenti performeranno bene.

L’ALLENTAMENTO MONETARIO PERSISTE – C’è un altro fattore che ha aiutato la recente ripresa di queste aree: il persistente allentamento monetario in Europa e Stati Uniti. Nel corso di quest’anno, le aspettative di mercato per una svolta verso politiche monetarie più ristrettive sono state gradualmente spinte verso il futuro. Questo significa che i tassi d’interesse in Europa e negli Stati Uniti stanno a mala pena aumentando e gli investitori continuano a ricercare  guadagni nei mercati emergenti. Ne risultano: consistenti flussi di capitali, valute che si rafforzano e discesa dei tassi d’interesse. Questo effetto si riflette in una maggiore crescita del credito e un rapido aumento sia nei consumi che nella spesa per investimenti. Gli ultimi dati sull’inflazione negli Stati Uniti e in Europa e i toni adottati da Fed e BCE sembrano indicare che questo contesto favorevole per gli emergenti possa persistere. Considerata la percezione presente nei mercati, che l’economia cinese possa mantenere il suo elevato tasso di crescita e con pochi motivi di preoccupazione riguardo i tassi di interesse nei Mercati Sviluppati, gli emergenti continuano a godersi il vento a proprio favore, conclude Bakkum.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

ING, lo smart working arriva in filiale

Ing, in Italia lo smart working è il futuro

Il risparmio ai tempi del coronavirus: i tre nuovi trend in Europa e in Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X