Mirabaud AM: Bce, probabile resti ferma giovedì

A
A
A
di Redazione 21 Ottobre 2015 | 12:43
La lettura negativa, secondo David Basola, Reponsabile per l’Italia di Mirabaud AM. è interamente da imputare al calo dell’inflazione dei prezzi dell’energia.

NESSUNA MISURA – “Una delle ragioni per la quale la Banca Centrale europea (Bce) probabilmente non annuncerà ulteriori misure giovedì 22 ottobre è che il quadro dell’inflazione di fondo sta migliorando. Sebbene i dati sull’inflazione complessiva continuino a essere deboli, la lettura negativa è interamente da imputare al calo dell’inflazione dei prezzi dell’energia”. Lo ha dichiarato David Basola, Reponsabile per l’Italia di Mirabaud AM.

INFLAZIONE CRESCITA PIL – “L’inflazione core rimane stabile allo 0,9%, mentre quella dei beni alimentari – inclusi alcol e tabacco – rimane stabile all’1,3% a/a. In generale, l’inflazione core è aumentata dall’inizio dell’anno: mentre nel primo trimestre il dato medio era allo 0,7%, durante i mesi estivi è salito allo 0,9%. Per quanto concerne l’economia, le forti vendite di automobili evidenziano il trend rialzista della domanda per i beni di consumo durevoli nell’Eurozona. Con le solide vendite al dettaglio registrate quest’estate, e la fiducia dei consumatori che rimane elevata, la crescita dei consumi probabilmente si assesterà per il momento intorno al 2,5%, dopo il rialzo del 2,5% nel secondo trimestre. Tutto ciò sostiene la crescita del Pil nel terzo trimestre nonostante il rallentamento del settore industriale. Continuiamo ad aspettarci che il Pil reale cresca dell’1,5%, nell’ultimo trimestre, segnalando che l’Eurozona sta procedendo sul suo modesto percorso di ripresa”, conclude Basola.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Le tre variabili per la Germania

Asset allocation, obbligazioni: le differenze che occorre considerare

Mercati: fin che la barca va…

NEWSLETTER
Iscriviti
X