State Street: trimestrale debole, previsti tagli di posti di lavoro

A
A
A
di Redazione 23 Ottobre 2015 | 14:29
I profitti, spiega l’a.d. Giuseppe Hooley, riflettono il declino globale delle valutazioni azionarie, in particolare dei mercati emergenti.

RISULTATI SOTTO LE ATTESE – State Street ha chiuso il terzo trimestre con un utile 543 milioni di dollari. L’utile per azione è salito a 1,32 da 1,26 dollari. I ricavi sono scesi leggermente a 2,62 miliardi di dollari dai 2,61 precedenti. I ricavi operativi si sono attestati a 2,65 miliardi di dollari. I risultati sono stati inferiori alle attese degli analisti che si aspettavano un utile per azione a 1,23 dollari su ricavi di 2,67 miliardi di dollari. Sceso anche il risparmio gestito del 4,8% a 2,11 miliardi di euro.

LICENZIAMENTI IN VISTA – L’amministratore delegato Joseph Hooley ha spiegato che i risultati deludenti riflettono il declino globale delle valutazioni azionarie, in particolare dei Paesi emergenti, insieme ai bassi tassi d’interesse e un dollaro statunitense forte. Anche per questo State Street prevede di tagliare tra i 200 a 600 posti di lavoro a livello globale. Il risparmio dovrebbe essere di circa 50 milioni di dollari a fine del prossimo anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X