Lemanik, i tassi resteranno ancora invariati

A
A
A
Chiara Merico di Chiara Merico 4 Novembre 2015 | 10:59
Per Maurizio Novelli la strategia di Lemanik Global Strategy Fund resta focalizzata sulle previsioni di un dollaro più debole.

SI SPERA NEI SERVIZI – “La chiusura del mese di ottobre ha confermato la recessione del settore manifatturiero mondiale, con il commercio internazionale in una costante contrazione sia in termini di volumi che di valore, mentre il rallentamento economico dei paesi emergenti continua ad evidenziare i problemi di fondo che affliggono l’economia internazionale dal 2008”, ha spiegato Maurizio Novelli, gestore Lemanik global strategy fund, nel suo commento macroeconomico mensile. “Per la difesa degli attuali livelli di crescita si spera nella tenuta del settore dei servizi, anche se oltre il 30% dell’attività dei servizi dipende proprio dal settore manifatturiero come trasporti e logistica”.

NON CI SONO RISCHI DI RECESSIONE – I mercati finanziari sono tornati a “festeggiare” i rischi di peggioramento della congiuntura poiché ritengono che questo scenario costringerà le banche centrali a nuovi stimoli monetari, anche se quelli già attuati finora stanno perdendo giorno dopo giorno la loro efficacia sull’economia reale. “L’unica cosa che veramente i mercati temono è la recessione,ma attualmente nessuno vede tale rischio come imminente”, sottolinea il gestore Lemanik.

L’INCERTEZZA DELLA FED – A oggi il Pil del Giappone evidenzia una crescita -0,6% con la BoJ che ha ormai acquistato quasi tutto il debito pubblico e ha svalutato lo yen del 30%. L’economia Ue, svanito l’effetto della svalutazione dell’euro avvenuta solo verso il dollaro, si appresta a entrare in una nuova fase di rallentamento dopo alcuni mesi di modesto recupero, pregiudicato da un contesto mondiale in peggioramento da giugno e da politiche fiscali che non cambiano nella sostanza da oltre 7 anni. Per quanto riguarda la Cina, molti si attendono l’arrivo di uno stimolo fiscale per ridare spinta all’economia, anche se le emissioni di bonds da parte delle provincie cinesi sono più che triplicate nel primo semestre del 2015, evidenziando dunque un probabile stimolo fiscale a livello locale già in corso da mesi. La Fed, invece, non sa più come comportarsi di fronte al rallentamento dell’economia mondiale e al rischio di un calo nella crescita del 2% dell’economia americana. “L’attuale fase della congiuntura non giustificherebbe una modifica della politica monetaria”, sostiene Novelli.

DOLLARO PIU’ DEBOLE – In questo contesto macroeconomico la strategia d’investimento del fondo Global Strategy rimane focalizzata sulle previsioni di un dollaro più debole nei prossimi mesi, una riduzione dei tassi sulle scadenze 10 – 30 anni dei Treasuries americani e un probabile recupero dei prezzi dell’oro. L’economia mondiale rallenta, i tassi non si muoveranno dai livelli attuali, mentre la Fed avrà seri problemi nel giustificare un aumento legato a motivi macroeconomici. Le Borse, invece, sono in attesa di verificare se l’attuale rallentamento mondiale intaccherà in modo prolungato la crescita Usa che ha già frenato in modo pronunciato tra giugno e settembre.
“Le mie previsioni macro puntano ad una perdita di mezzo punto di crescita per l’economia Usa rispetto al trend del 2% degli ultimi tre anni a causa del peggioramento della congiuntura globale. Da questo momento la traiettoria della crescita americana dovrebbe ripiegare in modo stabile verso il livello di 1,5% già toccato nel trimestre giugno – settembre, evidenziando il rischio di una possibile stagnazione. Da questo momento le politiche monetarie rischiano di perdere di credibilità come unico fattore determinante e sufficiente ad uscire dai problemi strutturali che affliggono l’economia mondiale”, conclude Novelli. 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Novelli (Lemanik): il coronavirus è l’ultimo dei problemi per l’economia globale

Lemanik: cresce l’appetito per il rischio tra gli investitori

Lemanik lancia Spring: fondo obbligazionario con “approccio unificato”

Lemanik AM, fondo per investire nei migliori business model

Economia mondiale: una montagna di debito ci seppellirà

Gestori in vetrina – Lemanik

Novelli (Lemanik): rischio bolla nel credito al consumo Usa

Andreani (Lemanik): azionario Italia ancora su nel 2018 grazie a crescita e Pir

Lemanik: il mercato high yield paga ancora

Zimmermann, Lemanik: azionario Asia ancora attrattivo

Lemanik: dollaro debole ed eccesso di debito indeboliscono l’economia Usa

Lemanik si rafforza con Foglia

Novelli (Lemanik): “La trappola del debito rischia di far deragliare qualsiasi politica fiscale espansiva”

Andreani, (Lemanik): “I Pir trainano il mercato azionario italiano”

Classifiche Bluerating: Candriam in testa tra i fondi a ritorno assoluto – long short strategy

Lemanik: la Trumpenomic rilancerà l’economia Usa?

Classifiche Bluerating: Lemanik in testa tra i fondi a ritorno assoluto (media volatilità)

Lemanik, con Trump i tassi Usa saliranno

Lemanik: la luna di miele tra banche centrali e mercati sta per finire

Lemanik: Asia in espansione nel 2017

Lemanik, contesto fragile e banche centrali in affanno

Lemanik, nessuna ripresa nel secondo semestre

Classifiche Bluerating: Lemanik in testa sui Ritorno assoluto – media volatilità

Lemanik: le obbligazioni subordinate bancarie superano la prova Brexit

Lemanik, valutazioni interessanti per l’azionario italiano

Novelli (Lemanik): “Usa in affanno per tutto il 2016”

Lemanik si rafforza con l’arrivo di Fabrizio Biondo

Rossi (Lemanik) a Consulentia 2016: “avremo gestori interni”

Novelli, Lemanik: politiche monetarie inutili a far ripartire il ciclo economico

Lemanik: l’Italia continua a essere un mercato su cui puntare

Novelli, Lemanik: la crescita non è solida come le banche centrali vogliono farci credere

Zimmermann (Lemanik): positivi sul mercato giapponese

Lemanik si affida ad Andreani per la gestione dei fondi azionari sull’Italia

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 16/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Oggi su BLUERATING NEWS: app per i consulenti

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Fondi di investimento, nuovo comparto sostenibile per DWS

DWS Invest ESG Euro Corporate Bonds è un nuovo fondo comune di investimento sostenibile focalizzato ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X