Gam: dopo la sfilata delle trimestrali il lusso va ancora di moda

A
A
A

La maggioranza dei numeri ha superato le aspettative del mercato, mentre alcuni amministratori hanno colto l’opportunità per alzare il livello della guidance.

Chiara Merico di Chiara Merico31 agosto 2017 | 15:26

NUMERI OLTRE LE ATTESE – La maggior parte delle società del lusso ha rilasciato i dati del secondo trimestre entro la metà di agosto, spiega Scilla Huang Sun, gestore del fondo GAM Multistock – Luxury Brands Equity di GAM. La maggioranza dei numeri ha superato le aspettative del mercato, mentre alcuni amministratori hanno colto l’opportunità per alzare il livello della guidance. In più, si è confermato il solido trend delle vendite registrato negli ultimi mesi, ma a livello delle singole società abbiamo notato anche molti dettagli interessanti. La spesa dei consumatori cinesi nel lusso ha sorpreso ancora in positivo, e il solido slancio economico e i minori rischi economici in Europa hanno aiutato a sostenere la fiducia dei consumatori. C’erano segnali di simili forze positive anche negli Stati Uniti, ma il surplus dei punti vendita, unito a una crescita dello shopping online rappresenta un fattore frenante. In più, le preoccupazioni politiche riguardo l’abilità del presidente Trump di portare avanti la propria agenda di riforma al Congresso sta mitigando il sentiment, portando a uno scenario più contrastato negli Stati Uniti in termini di risultati societari.

 SOLIDI TREND FONDAMENTALI – Ci aspettiamo che i solidi trend fondamentali e la domanda per prodotti di lusso prevalgano, ma le società dovranno fare fronte a una maggiore base comparativa nella seconda metà dell’anno. In questo contesto, le fluttuazioni valutarie non rappresentano più un fattore di supporto. Nonostante la performance eccezionale dei titoli del lusso da inizio anno, le valutazioni rispetto al mercato nel complesso sono in linea con i valori storici, con l’aumento dei dividendi che ha parzialmente controbilanciato l’impatto derivante dall’aumento del prezzo delle azioni. Forti dati sulle vendite nel secondo trimestre hanno contribuito a una migliore incidenza sui costi, infine risultata in una maggiore profittabilità per molte aziende. Per esempio, una famosa società francese di design di beni di lusso, sport e lifestyle ha messo a segno una crescita del 28% nella prima metà dell’anno, che si è tradotta in un progresso del 57% degli utili nello stesso periodo. Siamo convinti che, nel complesso, l’industria del lusso quest’anno raggiungerà una crescita organica del 5% circa o superiore. Di conseguenza, riteniamo che questo solido slancio, unito a solidi indici finanziari come la generazione di cassa e la fedeltà dei consumatori verso il brand, continui a rappresentare un convincente caso di investimento.

UN SETTORE ADATTO A UNA SELEZIONE ACCURATA – Nonostante tutto, continuiamo a vedere chiaramente società “vincitrici” e società “perdenti” nel settore, dove i brand più iconici restano i più richiesti. Questa è la conferma di un trend che è cresciuto nel corso dei precedenti trimestri e, a livello di sotto settori, la cosmetica è un esempio lampante di un ambito dove la fascia di mercato più lussuosa cresce più del mercato di largo consumo. Di conseguenza, certe società in questo settore stanno crescendo a doppia cifra, mentre i risultati delle società meno competitive sono invariati se non addirittura in calo. Un altro esempio dell’intensa competizione è fornito dal mondo legato all’athleisure, con alcune società che stanno guadagnando in modo aggressivo quote di mercato dai competitor. Anche gli sforzi a livello di ristrutturazione aziendale e di rilancio della ripresa stanno iniziando a dare frutti. La storia di rilancio più convincente è quella del designer tedesco di abbigliamento di lusso che, dopo una razionalizzazione del brand e un rinnovamento del proprio canale di vendita all’ingrosso, è tornato a una crescita organica nel secondo trimestre, supportato dalla crescente forza del suo business online. Per di più, con la generazione millennials che esercita una sempre crescente influenza sull’esperienza di shopping, vediamo il desiderio da parte delle società del lusso di rimanere al passo con gli sviluppi digitali. Ciò, in cambio, sta comportando un certo numero di cambi nei vertici delle società visto che il controllo dei costi e l’attenzione verso i marchi chiave restano comunque le priorità in agenda. Guardiamo con fiducia al futuro del mercato del lusso in generale, e ciò si riflette nella diversificazione del nostro portafoglio in cui sono presenti diversi segmenti dell’industria del lusso, dall’alta moda all’orologeria, dalle automobili ai cosmetici. Ciò che si conferma in ogni caso più importante sono gli sviluppi a livello societario e a livello di brand, ovvero gli spazi dove crediamo si possibili aggiungere maggior valore grazie ad una attenta selezione bottom-up delle società.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

GAM lancia due mandati per le Bcc

Gam: continua la crescita del settore del lusso

Gam chiude i fondi del gestore sospeso

GAM: deficit nella leadership commerciale

Gam blocca il fondo del gestore sospeso

Gam, semestrale positiva e sospensione di un gestore

GAM prende Heider da Deutsche Bank

Gam si prepara a una hard Brexit

Friedman (Gam): “Ancora interessati ad acquisizioni, ma senza fretta”

Gam: l’Italia preoccupa ma il mercato esagera

Cervellin (Gam): “Investire con algoritmi e Big Data”

Se Twitter predice l’andamento della volatilità

Gam: 2018 anno di transizione. Le opportunità nel mondo obbligazionario

Accordo tra GAM e la Fondazione di Venezia

Gam, un terzo delle masse in più

GAM: lo stato di salute dell’economia globale dipende dall’inflazione

Biggs (Gam): “Cosa c’è dietro il rally dei mercati”

GAM: emergenti, maggiori opportunità tra le emissioni in valuta locale

Gam: gli eventi da monitorare nel 2018

GAM: Il valore aggiunto di una gestione obbligazionaria attiva

Gam: Cina, il ritorno delle blue chip a tre anni dal lancio dello Shanghai Stock Connect

Gam arruola un investment manager per l’obbligazionario

Le 3 strategie di Gam protagoniste dell’Equity Day 2017

Gam: la Fed potrebbe rimescolare le carte

GAM: la partita USA – Germania è solo al primo tempo

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

GAM: A-shares cinesi negli indici MSCI, un riconoscimento solo formale?

Cervellin (GAM): “La fine del gestore classico”

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi a Azionari Cina

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Area Euro – Large & Mid Cap Value

Gam: come generare alpha dalle M&A

GAM: l’inflazione è già sotto l’ombrellone?

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Settoriali – Energie Alternative

Ti può anche interessare

Investimenti: Lira turca, l’emergenza continua

Rimaniamo sul pezzo e commentiamo gli ultimi aggiornamenti ...

Polizze, Pramerica prepara l’uscita dall’Italia

Secondo il quotidiano Mf, la pultinazionale statunitense Prudential Financial starebbe per cedere le ...

Anima, effetto Aletti sulle masse

Il totale delle masse gestite dal gruppo a fine dicembre 2017 è pari a circa 94,4 miliardi di euro, ...