Lazard Frères Gestion: missione anti volatilità per il fondo Norden

A
A
A
di Chiara Merico 23 Febbraio 2016 | 07:46
Nel 2015, in un contesto di volatilità dei mercati azionari, l’area dei paesi nordici si è confermata come valida opzione di diversificazione.

UN CONTESTO FAVOREVOLE – Nel 2015, in un contesto di volatilità dei mercati azionari, l’area dei paesi nordici si è confermata come valida opzione di diversificazione rispetto all’investimento in azioni dell’area euro con un profilo di rischio/rendimento appetibile, spiega il memorandum di Lazard Frères Gestion. Così, nel corso dell’anno l’indice MSCI Nordic ha registrato una performance pari a +13,04%, sovraperformando nuovamente l’Eurostoxx di +2,7%, con un grado di volatilità inferiore. La sovraperformance rispetto al mercato dell’area euro è maturata progressivamente, trimestre dopo trimestre, sia nelle fasi di rialzo che in quelle di ribasso. Nel corso del 1° trimestre, l’indice MSCI Nordic ha registrato una performance pari a +20,31%, contro il +18,50% dell’Eurostoxx. Nei due trimestri centrali dell’anno, in fase di ribasso dei mercati, l’indice MSCI Nordic ha comunque sovraperformato. Nel quarto trimestre, l’indice ha segnato una progressione del 7,10%, contro il 6,50% dell’Eurostoxx. A dicembre, in particolare, la sovraperformance è stata dell’1,8%.

PERFORMANCE POSITIVA – In questo contesto, nel 2015 il fondo Norden ha conseguito una performance positiva del 16,09%, contro il +13,04% dell’indice MSCI Nordic, pari a una sovraperformance del 3,05%. Norden ha sovraperformato nettamente l’EuroStoxx del 5,8%, nonché l’indice Stoxx 600 del 6,41%, confermandosi una valida alternativa a fini di diversificazione nel contesto di un portafoglio azionario. Norden, prosegue la nota di Lazard, ha evidenziato un andamento particolarmente positivo nel 2° e 3° trimestre dell’anno, in un contesto macroeconomico caratterizzato da maggiore incertezza riguardo all’economia mondiale e interrogativi in merito alle decisioni della Fed. Sono state segnatamente le posizioni detenute nei beni di consumo (Unibet e Autoliv) e la mancata esposizione al settore petrolifero ad aver favorito la sovraperformance del fondo rispettivamente del 2,48% e dell’1,45%.Sul fronte valutario, il contributo alla performance nel 2015 è stato marginale, pari a +50 pb. Al 30 dicembre, il patrimonio di Norden ammontava a 1,11 miliardi di euro. Nel corso dell’anno si è registrato un incremento del numero di quote pari al 13%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Nuovo presidente per Lazard Italia Financial Advisory

Le obbligazioni convertibili sovraperformeranno anche nel 2021

Biden presidente Usa potrebbe rivelarsi positivo per il debito dei mercati emergenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X