State Street: cosa sta succedendo alla governance dei fondi pensione

A
A
A
Marco Muffato di Marco Muffato 23 Febbraio 2016 | 15:54
I cambiamenti in atto nei fondi pensione a livello globale nel sondaggio realizzato con 400 professionisti di 20 paesi.
STUDIO GLOBALE – A fronte del crescente numero di sfide che i fondi pensione si trovano ad affrontare, un sondaggio realizzato da State Street, condotto su 400 professionisti del settore in 20 paesi, rivela che il 92% degli intervistati sostiene che i fondi per i quali lavorano hanno in programma di fare una o più modifiche sostanziali ai loro modelli di governance. 

TRASPARENZA E REPORTING IN PRIMO PIANO
– Oltre due terzi dei partecipanti (68%) stanno pianificando almeno tre cambiamenti. I principali miglioramenti riguardano la trasparenza, la frequenza del reporting e la trasmissione dati. Oltre il 40% prevede di incrementare nel 2016 il dettaglio o la frequenza del reporting verso il proprio board, mentre una percentuale analoga di intervistati sostiene che aumenterà la trasparenza sulla governance e sulle performance d’investimento del fondo verso i propri membri. Queste azioni sono frutto di un generale incremento dei controlli e derivano dalla crescente complessità del contesto operativo nel settore dei fondi pensione.

FIDUCIA LIMITATA IN CHI DECIDE
– Questi cambiamenti avvengono in quanto, come rivela la ricerca, solo il 38% degli intervistati considera molto solida la preparazione in materia di investimenti dei propri organi amministrativi e decisionali. La ricerca “Pensions with Purpose: Meeting the Retirement Challenge” rivela in modo analogo che quando si parla di comprensione dei rischi legati ai fondi pensione, solo il 36% degli intervistati ritiene che le loro competenze siano molto solide. Solo un terzo (32%) ripone un alto livello di fiducia nelle abilità dei loro organi amministrativi e decisionali di guardare oltre le problematiche di breve termine per affrontare i fattori strategici e di lungo periodo che riguardano il portafoglio.
AUMENTARE L’ESPOSIZIONE AGLI ALTERNATIVI – Coloro che adottano un approccio più avanzato in materia di governance si aspettano di eliminare le loro carenze in modo più rapido rispetto al resto del settore e di aumentare anche la loro esposizione agli alternativi. Sei su dieci rivelano che nel corso del prossimo anno investiranno sempre di più nelle strategie degli hedge fund, rispetto al 34% di tutti gli intervistati. 
RIDURRE I COSTI E DIVERSIFICARE IL PORTAFOGLIO – I cambiamenti nella governance andranno di pari passo con i piani di riduzione dei costi e di diversificazione del portafoglio. Ad esempio, l’80% pianifica di consolidare attività e passività provenienti da piani pensionistici multipli. I due principali vantaggi citati dagli intervistati in termini di consolidamento sono la riduzione dei costi (24%) e il miglioramento dell’efficacia operativa (22%). 
 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Arca Fondi, miglior gestore italiano di fondi pensione

Fondi pensione, gestione oltre i 180 miliardi di euro

Previdenza complementare, ecco perché in Italia è fondamentale

Fondi pensione, è vittoria sul tfr

Fondi pensione, un anno da dimenticare

Fondi pensione, più costi con le regole europee

Fondi pensione: la classifica di quelli che mettono ko il tfr

Fondi pensione, che salasso per i lavoratori

Il trionfo dei fondi pensione di categoria

Mini fondi pensione: pochi soldi per un doppio vantaggio fiscale

I fondi pensione diventano europei

Fondi pensione a caccia di gestori

Quota 100 delle pensioni costa 13 miliardi

I fondi pensione investono nelle piccole imprese

Consulenza previdenziale: gli etf piacciono ai fondi pensione

Fondi pensione e casse di previdenza, ecco dove investono

SoGen ha i titoli per Byblos

Fondi pensione, iscrizioni col vento in poppa

Fondi pensione chiusi, adesioni in crescita

Anche i fondi pensione vogliono i Pir

Anche il fondo pensione norvegese ha approfittato del rally di Wall Street

Sempre più italiani si informano online sui piani pensionistici individuali

La Norvegia investirà in Gran Bretagna anche dopo voto su Brexit

Fondi pensione e gestori non sono ancora pronti per il blockchain

Atlante vorrebbe sostenere le banche, ma non afferra Cometa

Hdi Azione di Previdenza Linea Dinamica torna a salire

Cina, i fondi pensione pronti a investire sulle borse locali

Il datore di lavoro non versa il Tfr? Interviene il fondo di garanzia

Unipol Insieme comparto Valore riesce a difendersi

Ottobre porta una svolta positiva per Zed Omnifund – Linea Azionaria

I fondi pensione canadese sono tentati dalla leva

Eurorisparmio Azionario Internazionale chiude ottobre in ripresa

Fondi pensione: più competenze finanziarie per nuovi investimenti

Ti può anche interessare

Disruption, il “mostro” che non deve fare paura. Parola di Janus Henderson

Ci sono parole che fanno paura. Mettono ansia. Spaventano. Un po’ perché utilizzate per descr ...

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 23/07/2019

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento com ...

Quant 2020, aperte le iscrizioni per l’evento dedicato all’asset management

L’appuntamento, per tutti gli investitori qualificati, è di quelli da non perdere: giovedì 2 ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X