Assogestioni, il 2016 si apre con il segno più

A
A
A
di Daniel Settembre 24 Febbraio 2016 | 10:32
A gennaio sottoscrizioni per 6,1 miliardi di euro grazie soprattutto ai prodotti monetari e ai flessibili.

BUONA PARTENZA – L’industria del risparmio gestito italiano apre il 2016 con una raccolta netta di 6,1 miliardi di euro. I fondi comuni, supportati da un approccio cauto dei sottoscrittori, contribuiscono per 1,2 miliardi di euro grazie ai prodotti monetari (+1,7mld), con un vero e proprio balzo rispetto all’ultimo mese dell’anno scorso (-166 milioni), flessibili (+801mln), azionari (+321mln) e bilanciati (+263mln). La raccolta delle gestioni di portafoglio ammonta a oltre 4,9 miliardi, trainata dai mandati istituzionali (+5mld). A fine gennaio il patrimonio gestito dall’industria è pari a 1.814 miliardi di euro.

NEL DETTAGLIO – A registrare una performance negativa solo gli obbligazionari (-1,84 miliardi) e gli hedge (-74 milioni). A livello geografico segno meno anche i fondi di diritto italiano (-531 milioni), che arretrano dal buon dato di dicembre 2015 (450 milioni), mentre grandi afflussi nei fondi di diritto estero (1,74 miliardi), in calo dal mese precedente (2,53 miliardi).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti aprite le orecchie, ai giovani piacciono i Pac

Salone del Risparmio 2022, “Pronti, Via”

Sui conti italiani tanti risparmi e grandi potenzialità. Trabattoni: “Rimettere al centro le persona”

NEWSLETTER
Iscriviti
X