Banche europee o Usa? Le più solide sono…

A
A
A

Brad Tank di Neuberger Berman svela le differenze tra le banche europee e quelle Usa.

Chiara Merico di Chiara Merico25 febbraio 2016 | 09:48

MEGLIO GLI ISTITUTI CANADESI – Tra Europa e America c’è di mezzo un oceano, almeno per quanto riguarda le banche. Secondo Brad Tank, chief investment officer fixed income di Neuberger Berman, “due settimane fa, quando il mercato stava facendo i capricci, in Canada la stampa finanziaria si stupiva di quanto fossero solide le banche canadesi dato che avevano perso “solo” il 7-10% del loro valore di mercato da inizio anno mentre le omologhe europee ed americane erano in rosso del 20-30%. Una delle molte spiegazioni proposte del panico sui titoli delle banche americane era l’ammontare di debito deteriorato legato all’industria energetica a cui potevano essere esposte. Le banche canadesi, semmai, sono ancora più esposte a questi rischi”. Per Tank “c’è un po’ di verità in ciascuna delle spiegazioni del sell-off del settore bancario a livello mondiale: la domanda di prestiti messa a tacere, i tassi benchmark negativi, le curve di rendimento piatte, l’esposizione al petrolio. Tuttavia la cosa di gran lunga più importante è stata la pressione tecnica sulle vendite”.

QUESTIONE DI LEVA – “Quando il core business è prendere denaro a prestito a breve termine e prestarlo a lungo termine, il contesto non è dei migliori per la profittabilità“, sottolinea il gestore. “Quest’ultima è significativa per gli azionisti ma nella maggior parte dei business la profittabilità deve deteriorarsi molto, prima di arrivare a riguardare i creditori. In realtà una piccola erosione della profittabilità può essere positiva per chi detiene obbligazioni poiché può rendere il management più cauto. Le banche sono differenti, certo. Dal momento che la leva bancaria viene regolamentata sempre più, il sentiment che colpisce le valutazioni azionarie può essere molto dannoso se spinge una banca con leva elevata vicino al suo capital ratio normativo minimo. Questo può portare gli obbligazionisti irrequieti a chiedere un prezzo più alto per assumersi il rischio di “bail-in” in caso di fallimento bancario. Il capitale tier-1 addizionale nelle banche europee può perfino essere convertito in equity prima che una banca fallisca”, nota Tank. “Le banche americane, invece, non hanno leva elevata. Dalla crisi finanziaria il rapporto tra capitale ed asset detenuti dalle banche è cresciuto in media da circa il 9% al 12%. Inoltre, dopo il crollo seguito alla crisi finanziaria, la redditività è risalita al di sopra del 9%. Riteniamo che le banche americane siano le meglio gestite al mondo e la maggior parte di esse ha dei buoni piani di successione”, evidenzia il gestore. “Ecco perché crediamo che il debito delle banche americane sia un buon investimento adesso. Siamo felici di notare che uno dei banchieri più rispettati, Jamie Dimon di JPMorgan, è d’accordo con noi: il suo acquisto di 26 milioni di dollari del titolo della sua banca suggerisce un certo margine di correzione della valutazione scorretta che abbiamo identificato”.

I PROBLEMI DEL MERCATO EUROPEO – Secondo Tank “è più difficile essere entusiasti delle banche europee. È vero che esistono punte di eccellenza. Ad esempio, molte banche scandinave sono entrate nella crisi del 2007-2009 efficienti e ben capitalizzate e da allora hanno guadagnato quote di mercato. Altrove gli alti costi, un mercato internazionale frammentato che scoraggia la competizione ed una maggiore attenzione su business meno profittevoli basati sulla relazione hanno portato ad una redditività strutturalmente inferiore e, per compensazione, a una leva più elevata rispetto agli Usa. Le autorità europee sono state molto più lente a chiedere un intervento quando è arrivata la crisi (le banche dell’Eurozona hanno ancora un rapporto tra capitale ed asset detenuti di solo l’8% in media) e la redditività si è ripresa di poco rispetto ai livelli del 4-5% sui quali era caduta nel 2008-2009. Ecco perché vediamo una reazione più marcata sulle obbligazioni bancarie europee rispetto a quelle americane. Il debito convertibile del capitale tier-1 addizionale ha perso il 20% del valore, in linea con quello azionario, seguendo esattamente il copione che era stato scritto per lui in condizioni del genere”.

CONTESTI DIFFERENTI – “Le banche europee si stanno sforzando di costruire la solidità richiesta dalle autorità regolamentari ed essere più efficienti per aumentare la redditività mentre le autorità rimangono bloccate nei dibattiti politici sull’unione bancaria. È un passo da fare ma è duro e doloroso ed è la stessa strada che le banche americane hanno percorso 6 anni fa più velocemente ed in un quadro di riferimento normativo molto più semplice. Di conseguenza, guardando ai fondamentali di oggi, vediamo un oceano tra le banche europee e quelle Usa sotto più di un profilo. Che il mercato qualche volta non ne tenga conto permette a chi ha la mano ferma di costruire posizioni a valutazione potenzialmente molto attraenti”, conclude il gestore.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, sempre calda la raccolta estiva

Banche italiane, Fitch storce il naso

Fineco alla prova dei risparmiatori

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

Poste si unisce al ponte della solidarietà

Le banche popolari fanno ricche le imprese

Presunte strane proposte commerciali, ex Fideuram viene sospeso

Deutsche Bank, tira aria di fusione

La robo advisory che punta alle news

Banche, prestiti col vento in poppa

Citi concilia con la Sec

Unicredit e la fame immobiliare

Generali cambia vestito al gestito

Etruria, Consob annullata

L’inutilità delle fusioni bancarie

Intesa Sanpaolo, il portafoglio nello smartphone

Come ti fidelizzo il private banker

Il trionfo social di Unicredit

Vigilanza, la linea morbida della Bce

IWBank PI, la consulenza tiene duro

Credit Agrigole, un portafoglio Npl destinazione Phoenix

Banche vs clienti, vizi e virtù dell’ABF

Mps torna sul mercato

Asset allocation, bye bye bull market

Mediobanca-Azimut, botta e risposta tra le righe

Banca Euromobiliare, sferzata private

Acquisizioni, Mediobanca ha il colpo in canna

Unicredit, l’utile in calo ma sopra le attese

Banche, sui conti dormienti interviene il Mef

Banca Mediolanum, raccolta quasi dimezzata

Deutsche Bank FA, scatta l’operazione crescita

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Banco Bpm, il bilancio sorride

Ti può anche interessare

Fondi, 2017 da urlo per l’Europa

Gli asset netti dei prodotti Ucits e Aif hanno superato i 15 trilioni di euro: lo riferisce la Europ ...

Index o Unit Linked, il capitale deve essere restituito

Il caso della Ergo: la Corte d’Appello di Venezia conferma la condanna della compagnia ...

Graham (Bnp Paribas Am):”posizione lunga nelle small cap USA rispetto alle large cap”

La strategia settimanale del responsabile TAA, Multi Asset Solutions di Bnp Paribas Asset Managemen ...