Brexit, l’Irlanda si prepara a ricevere i fondi da Londra

A
A
A
Daniel Settembre di Daniel Settembre 14 Marzo 2016 | 08:41
Le società internazionali di gestione del risparmio dovrebbero essere tra i primi gruppi di servizi finanziari a spostare le operazioni in Irlanda se la Gran Bretagna lascerà la Ue.

OCCHIO AL BREXIT – Secondo quanto riporta l’inserto settimanale del Financial Times, l’Ftfm, la banca centrale irlandese ha iniziato i preparativi per un afflusso di asset manager se il Regno Unito lascerà l’Unione europea. Il timore è di un cambio di normativa e regolamentazione e che, quindi, le case di fondi non saranno più in grado di vendere i loro prodotti da Londra. Proprio per questo le società internazionali di gestione del risparmio dovrebbero essere tra i primi gruppi finanziari a sposare le operazioni in Irlanda.

TRANSIZIONE DISORDINATA – Il direttore alla vigilanza dei mercati della Banca centrale irlandese, Gareth Murphy, che sovraintende circa 6mila fondi, ha detto che le società vorranno stabilire un punto d’appoggio nella Ue. “Le imprese che regolano e le loro controparti nel Regno Unito si troveranno ad affrontare un lungo periodo di incertezza, in caso di Brexit”, ha aggiunto Murphy. “La transizione potrebbe essere molto disordinata”.

SI PUNTA A DUBLINO
– In vista del referendum di giugno, diversi gestori patrimoniali, tra cui M&G, che ha sede nel Regno Unito, si stanno già attrezzando e considerando di aumentare la loro presenza a Dublino. E un afflusso di aziende dal Regno Unito potrebbe essere una buona notizia per l’economia irlandese, che si sta riprendendo da una profonda recessione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Brexit, ora è realtà

Elezioni UK, vince Johnson e Trump festeggia: È l’ora della Brexit?

Brexit, è ancora rinvio

Brexit, si va verso la proroga

Accordo Brexit, il punto dei gestori

Brexit, fine della telenovela: c’è l’accordo

Brexit e guerra dei dazi frenano i mercati

Brexit, mazzata su Johnson: “Lo stop del Parlamento è illegale”

Brexit, ora tutto è in mano alla Corte Suprema

Brexit, doppia bordata a Johnson

Brexit, Johnson chiude il Parlamento fino al 14 ottobre

Brexit: per la May dimissioni a giugno

Brexit, rinvio indigesto per l’Unione europea

Bce, non si muove foglia sui tassi. E la Brexit si allontana

Brexit News: May promette le dimissioni se si giunge ad un accordo

Brexit: no deal scongiurato, per ora

Brexit, sterlina tonica in attesa del voto in Parlamento

Brexit, i big del credito evitano l’Italia

Brexit: ora la strada è il rinvio

Brexit, altra sconfitta per la May

Brexit affossa il pil inglese

Brexit, la May nel pantano dopo il no di Juncker

Brexit, la May vuole di nuovo trattare

Etf a prova di Brexit

Brexit, la May si salva

Brexit, le borse non hanno paura

Brexit, rebus aperto dopo il no del Parlamento

Scene da una Brexit

Brexit, oggi la May si gioca tutto o quasi

Brexit, il rinvio è alle porte: domani giorno della verità

Gestori inglesi pronti al risiko post Brexit

Caos Brexit, la May chiede aiuto a Bruxelles

Brexit, la Gran Bretagna può ripensarci

Ti può anche interessare

Fondi di investimento, il migliore e il peggiore del 5/06/2020

Ecco la migliore e la peggiore performance giornaliera nella categoria dei fondi di investimento c ...

Consulenti, prestate attenzione all’eurozona

Il Fondo Monetario Internazionale (IMF) si è espresso, e le sue previsioni non sono affatto incorag ...

Pimco, ottimismo moderato sui Btp

Pimco vede bene l’Italia, ma solo per il momento. Come riporta Il Sole 24 Ore, il gestore amer ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X