I fondi azionari attivi europei fanno cilecca

A
A
A
di Daniel Settembre 21 Marzo 2016 | 08:44
Secondo uno studio condotto da S&P Dow Jones Indices la maggior parte dei fondi d’investimento in Europa non hanno battuto il proprio benchmark negli ultimi dieci anni.

LO STUDIO – Dopo l’indagine “closet tracking” (qui la notizia), un’altra bufera si abbatte sul mondo dei fondi d’investimento a gestione attiva. Secondo uno studio condotto da S&P Dow Jones Indices e riportato dall’inserto settimanale del Financial Times, Ftfm, l’86% dei fondi azionari a gestione attiva in Europa che investe nei mercati globali, nei Paesi emergenti e negli Stati Uniti non è riuscito a battere il proprio benchmark negli ultimi 10 anni. Addirittura la totalità di tali fondi venduti nei Paesi Bassi hanno sottoperformato negli ultimi 5 anni. Così come il 95% dei fondi in Svizzera e l’88% di quelli offerti in Danimarca.

LE SOTTOPERFORMANCE – “Sono statistiche scioccanti”, ha spiegato Daniel Ung, direttore ricerche di S&P Dow Jones Indices. “Non stiamo dicendo che la gestione attiva è morta, ma i gestori dovrebbero giustificare quello che stanno facendo”. All’interno di questo campione, il 98,9% dei fondi azionari statunitensi hanno sottoperformato negli ultimi 10 anni, il 97% dei fondi sui mercati emergenti e il 97,8% dei fondi azionari globali. Solo i fondi azionari domiciliati nel Regno Unito – uno dei più grandi mercati di asset management in Europa – hanno avuto delle performance relativamente positive, se si considera l’arco temporale fino a 5 anni. Il discorso cambia se si prende in considerazione come periodo i 10 anni, dove tutte le categorie dei fondi del Paese hanno sottoperformato.

L’INDAGINE IN ITALIA – Lo studio si aggiunge alla recente indagine europea denominata “closet tracking”, nella quale diverse Authority nazionali, hanno scoperto che numerosi fondi, venduti come prodotti a gestione attiva, in realtà tendono a replicare un indice: una pratica che va ovviamente a discapito dell’investitore, che si trova a dover pagare commissioni per una gestione che in realtà potrebbe non esserci. Al momento, dieci tra i principali asset manager attivi sul mercato italiano sono finiti sotto inchiesta da parte della Consob (qui la notizia).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Closet tracking, inchiesta Consob su dieci asset manager

NEWSLETTER
Iscriviti
X